Tag: psychedelic rock

(recensione): Tame Impala – The Slow Rush (Interscope, 2020)

Tame Impala - The Slow Rush

Quarto capitolo della discografia dei Tame Impala, The Slow Rush è allo stesso momento un elemento di continuità e di rottura nel percorso creativo della band. Sono ormai lontani i tempi di Innerspeaker e di Lonerism, album che ci avevano fatto conoscere Kevin Parker e soci. Lontane anche le atmosfere squisitamente indie e psichedeliche degli

Continua a leggere

(recensione): Devandra Banhart – Ma (Nonesuch, 2019)

Devendra Banhart - Ma

Artista dai confini indefinibili e dilatati, capace di muoversi con la stessa sicurezza nel mondo delle sette note come nell’universo della grafica e delle creazioni visuali, Devandra Banhart ama mescolare atmosfere, storie e lingue. Nato in Venezuela e cresciuto fra Stati Uniti e America Latina, Devandra ci ha abituato a composizioni eleganti e raffinate, sempre

Continua a leggere

(recensione): Rev Rev Rev – Kykeon (Fuzz Club, 2019)

REV REV REV -Kykeon

Tre album in sei anni e una non trascurabile visibilità sulla scena internazionale, maturata nel corso del tempo, grazie a lunghe tournée europee, spintesi più recentemente fin oltreoceano. E’ questo il bilancio più che lodevole della carriera dei Rev Rev Rev, band modenese, da sempre punta di diamante della vivace scena shoegaze italiana. Sarà pubblicato

Continua a leggere

(live report): Festival Rock en Seine 2019 @Parc de Saint-Cloud (Paris, 25 agosto 2019)

Da almeno un paio d’anni, Rock en Seine, tradizionale appuntamento parigino della rentrée di fine agosto, cerca di fare comprendere a una platea a dire il vero a volte un po’ sconcertata, che dopo sedici edizioni, è arrivata l’ora della maturazione e del mutamento. Un cambiamento un po’ cercato, un po’ suggerito dalla sempre più

Continua a leggere

(recensione): Mini Mansions – Guy Walks Into a Bar (Fiction, 2019)

Mini Mansions - Guy Walks into a Bar

Band nata in California nel 2009 da un idea di Michael Shuman, talentuoso multistrumentista, già bassista dei più noti Queens of the Stone Age, che, per l’occasione, si avvale della collaborazione di Zach Dawes e Tayler Parkford, i Mini Mansions si muovono in un territorio all’intersezione fra psichedelia e rock alternativo. A un primo EP

Continua a leggere

(Review & Interview): Burning House – Anthropocene (Miohmi Records, 2019)

Burning House

It will be finally unveiled on July 12th,  Anthropocene, british band Burning House’s debut album. A group from Southampton, that only in order to semplify the discussion we can define as shoegaze, Burning House had already made a name for themselves last winter, with the release of a first extract from the album, still in production

Continua a leggere

(Recensione & Intervista): Burning House – Anthropocene (Miohmi Records, 2019)

Burning House

Sarà sarà finalmente svelato il prossimo 12 luglio, Anthropocene, opera prima degli inglesi Burning House.  Band originaria di Southampton, che solo per semplicità possiamo incasellare nel genere shoegaze, i Burning House si erano già fatti notare lo scorso inverno, con la pubblicazione di un primo estratto dall’album, all’epoca ancora in lavorazione. Mirror Song, questo il titolo,

Continua a leggere

(recensione): Pond – Tasmania (Marathon Artists, 2019)

Band nata a Perth in Australia nel 2008, i Pond possono vantare un percorso singolare e una produzione musicale di tutto rispetto. Sebbene il nucleo centrale – cuore pulsante del gruppo – sia composto dagli immancabili Nick Allbrook, Jay Watson e Joe Ryan, nel corso degli anni hanno preso parte al progetto anche i –

Continua a leggere

(recensione): 무너지기 (Crumbling) – 공중도둑 (Mid-Air Thief) (self-released, 2018)

무너지기 (Crumbling) 공중도둑 (Mid-Air Thief)

Sappiamo pochissimo del progetto musicale coreano 공중도둑 ovvero Mid-Air Thief, arrivato fino a noi in sordina, dopo essere stato diffuso via Bandcamp nel cuore dell’estate. Crumbling (무너지기), questo il titolo dell’album, che si compone di appena 8 tracce, è invece un piccolo gioiello. Mélange praticamente perfetto di musica elettronica, folk e dreampop vede sonorità occidentali

Continua a leggere