(recensione): Girlpool -What Chaos Is Imaginary (Anti/Epitaph, 2019)

(recensione): Girlpool -What Chaos Is Imaginary (Anti/Epitaph, 2019)

Duo losangelino composto da Cleo Tucker e Harmony Tividad, rispettivamete alla chitarra e al basso, le Girlpool hanno fatto la loro prima apparizione sulla scena musicale alternative nel febbraio del 2014 con un primo EP autoprodotto che portava semplicemente il loro nome. L'ampio riscontro ottenuto dall'EP, apparso sulla loro pagina Bandcamp, valse alle due musiciste [...]

(recensione): Il rumore della tregua – Canzoni di festa (self-released, 2019)

(recensione): Il rumore della tregua – Canzoni di festa (self-released, 2019)

Canzoni di festa: è questo il titolo del secondo album in studio dei milanesi Il rumore della tregua. Una seconda prova fortemente attesa per la band lombarda, che aveva saputo attirare l'attenzione di critica e pubblico già nel 2014 con l'album del debutto, Una trincea nel mare, e, successivamente con l'EP Radici, del 2016 (di [...]

(recensione): Sharon van Etten – Remind Me Tomorrow (Jagjaguwar, 2019)

(recensione): Sharon van Etten – Remind Me Tomorrow (Jagjaguwar, 2019)

Remind Me Tomorrow, quinto album della cantautrice americana Sharon van Etten, arriva in questi giorni, a distanza di quasi cinque anni dal precedente lavoro, Are We There. I cinque anni che hanno marcato la distanza fra i due album, se si esclude la pubblicazione di I Don't Want to Let You Down, EP apparso nel 2015 sono stati [...]

(recensione & new video): Mirror Song – Burning House

(recensione & new video): Mirror Song – Burning House

https://www.youtube.com/watch?v=ySo3tZJrlf0&feature=youtu.be Band britannica, originaria di Southampton, dove si sono incontrati nel 2013, i Burning House, trio composto da Aaron Mills, voce e chitarra del gruppo, Patrick White basso e Ash Babb, batteria, hanno contribuito a movimentare la scena rock indipendente e in particolare il sempre effervescente universo shoegaze, quest'autunno, con un EP dal titolo Tracer, disponibile dallo scorso [...]

(recensione): For My Crimes – Marissa Nadler (Sacred Bones Records, 2018)

(recensione): For My Crimes – Marissa Nadler (Sacred Bones Records, 2018)

Ottavo album in studio per Marissa Nadler: For My Crimes, pubblicato con l'etichetta Sacred Bones Records proprio in questi giorni, è un lavoro singolare e al tempo stesso una conferma del talento della giovane musicista americana. Originaria di Boston, ma saldamente ancorata alla tradizione country folk del profondo sud degli States, Marissa puo' essere a ragione [...]

(live report) : Spiritualized @Cabaret Sauvage (Paris, 23 settembre 2018)

(live report) : Spiritualized @Cabaret Sauvage (Paris, 23 settembre 2018)

Sala concepita a metà strada fra un saloon e il tendone di un circo, il Cabaret Sauvage è parte integrante del Parc de la Villette, vasta area del 19° arrondissement di Parigi, dedicata alla musica in tutte le sue declinazioni. E' anche una sala da sempre riservata alla musica alternativa e d'avanguardia: non è quindi [...]

(recensione): Paul Simon – In the Blue Light (Legacy Recordings, 2018)

(recensione): Paul Simon – In the Blue Light (Legacy Recordings, 2018)

Non ha certo bisogno di grandi presentazioni Paul Simon, musicista leggendario della scena americana e cantautore prestigioso, sia in coppia con Art Garfunkel che in versione solista. Siamo giunti oggi alla quattordicesima prova con un album, In the Blue Light, che raccoglie dieci tracce "minori" della produzione di Simon. Si tratta, infatti, di rivisitazioni di [...]

(recensione) : Songs You Make at Night – Tunng (Full Time Hobby, 2018)

(recensione) : Songs You Make at Night – Tunng (Full Time Hobby, 2018)

Band britannica in attività dal 2003, i Tunng, giunti al quinto album in studio, sono dei musicisti capaci di elaborare un sound originale e maturo. Songs You Make at Night, album pubblicato a fine agosto con l'etichetta Full Time Hobby, si compone di 11 titoli e segna un momento importante nella carriera della band guidata [...]

(recensione): Hunter – Anna Calvi (Domino, 2018)

(recensione): Hunter – Anna Calvi (Domino, 2018)

Terzo album in studio per la sensuale Anna Calvi, assurta a star della scena indie nel 2011 con un disco che portava semplicemente il suo nome. Personaggio estremamente teatrale e con una notevole presenza scenica, Anna, anche grazie alla voce potente e a melodie spesso non banali, non avrebbe bisogno di molto di più che [...]

(recensione) : And Nothing Hurt- Spiritualized (Bella Union, 2018)

(recensione) : And Nothing Hurt- Spiritualized (Bella Union, 2018)

Sono trascorsi ben 6 anni dalla pubblicazione dell'ultimo album in studio degli Spiritualized, band capitanata da Jason Pierce e nata dalle ceneri degli Spacemen 3. Un considerevole lasso di tempo, che non fa altro che confermarci le difficoltà incontrate da musicista britannico nel corso del processo creativo, come da lui stesso confermatoci nel corso di [...]