Tag: garage rock

(recensione): The Strokes – The New Abnormal (RCA Records, 2020)

The Strokes, The New Abnormal

Dispiace. Dispiace davvero tanto che il nuovo, sesto, attesissimo album degli Strokes arrivi nel bel mezzo della peggiore pandemia che il pianeta Terra abbia mai attreversato negli ultimi cento anni almeno. Eppure le premesse che avevano accompagnato la notizia dell’imminente pubblicazione erano allettanti, cosi come saranno ricordati a lungo e felicemente, i live a sorpresa

Continua a leggere

(live report) : The Strokes @L’Olympia (Paris, 18 février 2020)

The Strokes @L'Olympia

Il 2020 degli Strokes è iniziato con una serie di eventi inaspettati: l’annuncio a sorpresa di un nuovo album, la cui pubblicazione è prevista per il prossimo mese di aprile, nel corso del live di fine anno a New York, il dichiarato sostegno alla campagna presidenziale del democratico Bernie Sanders (cosa a dire il vero

Continua a leggere

(recensione): Brittany Howard -Jaime (ATO Records, 2019)

Forte del tanto meritato quanto inaspettato successo mainstream ottenuto con la band blues rock Alabama Shakes, Brittany Howard avrebbe potuto adagiarsi sugli allori, godersi i numerosi Grammy conquistati grazie all’album Sound & Color e prepararsi a bissare il risultato con un nuovo lavoro assieme ai compagni di sempre. Invece, a distanza di quattro anni dalla pubblicazione

Continua a leggere

(recensione): Elizabeth the Second – Two Margaritas at The Fifty Five – EP (self-released, 2019)

Elizabeth The Second - Two Margaritas at the Fifty Five

Sono italianissimi, a dispetto del nome altisonante e british, gli Elizabeth The Second. Ben Moro (voce e chitarra), Michele Venturini detto Mickey  (al basso) e Luca Gallato (alla batteria) sono gli elementi della band, formatasi nell’entroterra padovano nel 2018, e che si appresta a pubblicare il suo primo EP, Two Margaritas at The Fifty Five,

Continua a leggere

(recensione): Priests – The Seduction of Kansas (Sister Polygon Records, 2019)

Priests - The Seduction of Kansas

Ci avevano già ampiamente convinto i Priests che, con il loro primo album, Nothing Feels Natural, pubblicato nel 2017, erano riusciti a perfezionare un disco eclettico e sperimentale, dalle sonorità garage punk venate di jazz e psichedelia. E’ stato pubblicato in questi giorni il loro secondo lavoro, The Seduction of Kansas: un disco brillante ed

Continua a leggere

(recensione): Blood Red Shoes – Get Tragic (V2/Jazz Life, 2019)

Duo di Brighton composto da Laura-Mary Carter e Steven Ansell e nato a Berlino dalle ceneri delle precedenti esperienze musicali dei due protagonisti, i Blood Red Shoes sono attivi sulla scena indie dal 2004 e da allora non hanno mai cessato di sperimentare e ricercare le nuances in grado di riflettere al meglio il loro

Continua a leggere

(recensione): Virtue – The Voidz (Cult Records, 2018)

Virtue - The Voidz (Cult Records, 2018)

Sperimentazione e impegno politico per il secondo lavoro dei Voidz di Julian Casablancas   Seconda prova senza gli Strokes per Julian Casablancas. Per l’occasione, e per sottolineare una volta di più l’assenza di ogni forma di divismo e personalismo da parte del lead singer, l’album è stato pubblicato sotto il più neutro nome The Voidz.

Continua a leggere