Tag: british

(recensione & new video): Mirror Song – Burning House

Mirror Song - Burning House

Band britannica, originaria di Southampton, dove si sono incontrati nel 2013, i Burning House, trio composto da Aaron Mills, voce e chitarra del gruppo, Patrick White basso e Ash Babb, batteria, hanno contribuito a movimentare la scena rock indipendente e in particolare il sempre effervescente universo shoegaze, quest’autunno, con un EP dal titolo Tracer, disponibile dallo scorso ottobre. 

Continua a leggere

(recensione): The 1975 – A Brief Inquiry into Online Relationships (Polydor Records, 2018)

Quartetto britannico in attività dal 2002, i 1975 hanno pubblicato una considerevole quantità di materiale utilizzando altri nomi, prima di approdare a quello attuale, ovvero The 1975, ispirato dalla quarta di copertina di un libro di poesie beat. Originari di Manchester, i quattro, Adam Hann (alla chitarra), George Daniel (alla batteria) e Ross MacDonald (al basso), capitanati

Continua a leggere

(recensione): The Good, the Bad & the Queen – Merrie Land (Studio 13, 2018)

The Good, the Bad & The Queen - Merrie Land

“And especially, from every shore’s end of England– the holy blissful mount I fought to seek. That them had helpened when that they were weak…”: sono le parole di un verso dei Canterbury Tales di Geoffrey Chaucer a introdurci nel cuore di Merrie Land, secondo lavoro del supergruppo composto da Damon Albarn (Blur e Gorillaz),

Continua a leggere

(recensione): Basement – Beside Myself (Fueled by Ramen, 2018)

Basement-BesideMyself

KiSuona fresco ed accattivante sin dal primissimo ascolto Beside Myself, quarto album in studio degli inglesi Basement, band underground di Ipswich. Il gruppo, a dispetto di due dischi estremamente apprezzati e una carriera in rapida ascesa si era imposto una pausa fra il 2012 e il 2016. Nonostante la lunga assenza, a partire dalla reunion

Continua a leggere

(recensione): Idles – Joy as an Act of Resistence (Partisan Records, 2018)

Secondo album per gli IDLES, band originaria di Bristol. Formatisi nel 2011 è solo lo scorso anno che l’album del loro memorabile debutto, Brutalism, vede la luce. Un album apprezzatissimo da pubblico e critica, che attendeva dunque con impazienza una conferma (o una eventuale smentita) di quanto pregustato nel 2017. La conferma è arrivata puntuale

Continua a leggere