Categoria: Recensioni

(recensione): Jeff Tweedy – WARM (dBpm, 2018)

tweedy warm

E’ un musicista dal tocco magico, Jeff Tweedy, voce e chitarra di band passate alla storia della musica come gli Uncle Tupelo e i Wilco, gruppo del quale ci limitiamo ad evocare, in maniera non esaustiva, la collaborazione con Billy Bragg. Una lunga carriera con le band “madri” non ha arrestato in alcun modo la

Continua a leggere

(recensione & new video): Mirror Song – Burning House

Mirror Song - Burning House

Band britannica, originaria di Southampton, dove si sono incontrati nel 2013, i Burning House, trio composto da Aaron Mills, voce e chitarra del gruppo, Patrick White basso e Ash Babb, batteria, hanno contribuito a movimentare la scena rock indipendente e in particolare il sempre effervescente universo shoegaze, quest’autunno, con un EP dal titolo Tracer, disponibile dallo scorso ottobre. 

Continua a leggere

(recensione): The 1975 – A Brief Inquiry into Online Relationships (Polydor Records, 2018)

Quartetto britannico in attività dal 2002, i 1975 hanno pubblicato una considerevole quantità di materiale utilizzando altri nomi, prima di approdare a quello attuale, ovvero The 1975, ispirato dalla quarta di copertina di un libro di poesie beat. Originari di Manchester, i quattro, Adam Hann (alla chitarra), George Daniel (alla batteria) e Ross MacDonald (al basso), capitanati

Continua a leggere

(recensione) : Alain Bashung – En amont (Barclay, 2018)

Moriva nel marzo del 2009 Alain Bashung, mitico cantautore  della scena punk e new wave francese. In attività dalla metà degli anni ’60 fino alla sua improvvisa scamparsa, Alain conosce il primo vero successo nel 1977, grazie alla pubblicazione di un album originale e innovativo, dal titolo Roman-photos. Risale invece al 2008 l’uscita di Blue Petrol, ultimo disco

Continua a leggere

(recensione): Ty Segall – Fudge Sandwich (In The Red Records, 2018)

Ty Segall - Fudge Sandwich

Musicista prolifico e instancabile, Ty Segall, cantautore californiano, pare non essersi fermato un istante in questo 2018. Dopo un primo album solista dal titolo Freedom’s Goblin, apparso in gennaio, è stato il turno della collaborazione con Tim Presley alias White Fence, culminata con la pubblicazione di Joy, lo scorso mese di luglio. Infine in agosto

Continua a leggere

(recensione): Robyn -Honey (Konichiwa Records – Universal, 2018)

Robyn - Honey

Stella indiscussa dell’universo pop, la svedese Robyn (al secolo Robin Miriam Carlsson) puo’ vantare una carriera più che ventennale. Risale infatti al lontano 1995 il suo fortunato debutto, avvenuto con l’album  dal titolo profetico Robyn Is Here. Lavoro che conteneva tracce divenute successi su scala internazionale come Do You Know (What It Takes) e Show Me Love. La carriera di

Continua a leggere

(recensione): The Good, the Bad & the Queen – Merrie Land (Studio 13, 2018)

The Good, the Bad & The Queen - Merrie Land

“And especially, from every shore’s end of England– the holy blissful mount I fought to seek. That them had helpened when that they were weak…”: sono le parole di un verso dei Canterbury Tales di Geoffrey Chaucer a introdurci nel cuore di Merrie Land, secondo lavoro del supergruppo composto da Damon Albarn (Blur e Gorillaz),

Continua a leggere

(recensione): Vince Staples – FM ! (Def Jam – Universal, 2018)

Rapper della west coast in attività dal 2010 e con all’attivo tre album in studio, due EP e una lunga lista di collaborazioni prestigiose (vi ricordiamo, fra i progetti più recenti, la partecipazione all’OST di Black Panther con la traccia Opps), Vince Staples è un musicista brillante e dal talento indiscutibile. FM!, lavoro pubblicato in

Continua a leggere

(recensione): Neneh Cherry – Broken Politics (Smalltown Supersound, 2018)

Neneh Cherry - Broken Politics

E’ sempre feconda la collaborazione fra due musicisti sensibili e talentuosi. Non è quindi sorprendente che la liaison professionale fra Neneh Cherry e Four Tet, al secolo Kieran Hebden, produttore e personaggio chiave della scena elettronica internazionale, arrivata al suo secondo capitolo, continui oggi a dare i suoi frutti. Risale infatti al 2014 la pubblicazione

Continua a leggere

(recensione): Dionysus – Dead Can Dance (Pias, 2018)

Dead Can Dance - Dionysus

Duo australiano composto da Lisa Gerrard e Brendan Perry, i Dead Can Dance si muovono da sempre in un universo sonoro suggestivo e inclassificabile. Musica dal sapore antico e ritmi contemporanei, nuances new wave, canti gaelici e venature folk si incrociano fino a tessere trame incantate, capaci di disegnare paesaggi al di fuori delle classiche

Continua a leggere