Big Thief @Cabaret Sauvage

(live report): Big Thief @Cabaret Sauvage (Paris, 25 février 2020)

One comment

Il Cabaret Sauvage è una delle tante sale da concerto che affollano il Parc de la Villette, luogo concepito e realizzato per accogliere eventi di musica dal vivo. Rinnovato e tirato a lucido pochi mesi fa, ha ospitato ieri sera i Big Thief, band fra le più interessanti e innovative fra quelle attualmente presenti nel panorama alternative e indie, in particolar modo dopo la pubblicazione, lo scorso anno, di due album, U.F.O.F e Two Hands, che hanno fatto l’unanimità di critica e pubblico.

La serata umida e piovosa non ha intimidito i numerosi estimatori degli americani. Una lunga fila in attesa di poter accedere al locale si attardava all’ingresso della sala già al nostro arrivo, verso le 19.00, malgrado il freddo pungente. Le porte si aprono alle 19.30 e sono lda poco passate le 20.00 quando fanno il loro ingresso sul palco, i francesi Pays P, gruppo scelto da  Adrianne Lenker  e soci come opening act in questo scorcio di tournée europea.

Trio costituito da voce, chitarra e batteria, fra musica e performance teatrale, i Pays P propongono una setlist insolita e decisamente originale, sebbene il risultato lasci un poco perplessi e l’esperimento ci sembra abbia ancora bisogno di essere perfezionato.

Un breve intervallo per permettere il cambio di scena, ed ecco, poco dopo le 21 i Big Thief prendono possesso del palco.

E’ Masterpiece, brano estratto dall’album omonimo, che li ha rivelati nel 2016, ad aprire le danze. Band relativamente recente e assai prolifica, puo’ permettersi di proporre una setlist ricca e variata con pezzi equamente estrapolati da tutti i loro dischi, senza trascurare nemmeno la produzione solista di Adrienne. E’ tuttavia soprattuutto Capacity del 2017 il lavoro più presente in scaletta con ben sette canzoni, mentre sono purtroppo un po’  trascurati i dischi più recenti, malgrado, alla fine, non manchino le tracce più attese.

La band in scena è assai affiatata. La Lenker passa con disinvoltura dalla chitarra elettrica alla chitarra acustica, in accompagnamento alla  sua voce inconfondibile, a tratti da bambina imbronciata. E’ coadiuvata da Buck Meek, seconda chitarra e da Max Oleartchik al basso.

Il primo pezzo tratto dallo splendido Two Hands è Forgotten Eyes, accolto da una sala entusiasta che non lesina gli applausi e dimostra di conoscere a menadito il testo di questa come delle altre canzoni.

Cosi, una dopo l’altra, scorrono brani più o meno recenti: Shark Smile, Real Love, Replaced, fino a giungere al momento più emozionante della serata, con l’esecuzione di Not, sempre da Two Hands, che ci viene proposta in una versione particolarmente riuscita.

C’è spazio anche per un brano nuovo di zecca, dal titolo Two Rivers.

Cattails, titolo presente su U.F.O.F chiude il concerto, che prevede tuttavia un encore, assicurato da Paul, da Masterpiece, che conclude dolcemente la serata.

Big Thief @Cabaret Sauvage
Big Thief @Cabaret Sauvage

Setlist

Masterpiece
Capacity
Forgotten Eyes
(Unknown) (Adrianne solo)
Shark Smile
Real Love
Mary
Two Rivers
Haley
Replaced
Not
Black Diamonds
Shoulders
Mythological Beauty
Orange
Pretty Things
Contact
Cattails

Encore:
Paul

qui in francese

1 comments on “(live report): Big Thief @Cabaret Sauvage (Paris, 25 février 2020)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.