Vai al contenuto

(recensione): Jeff Goldblum and the Mildred Snitzer Orchestra – I Shouldn’t Be Telling You This (Decca, 2019)

jeff goldblum and the Mildred Snitzer Orchestra

Stella di prima grandezza del firmamento hollywoodiano, Jeff Goldblum si è inventato, superato il giro di boa dei sessantacinque anni una onorata carriera musicale. Da sempre appassionato di musica jazz e pianista di talento, Jeff, che ha imparato a suonare a Pittsburgh quando era ancora un bambino e ha continuato a esibirsi – seppure in maniera del tutto dilettantesca con la Mildred Snitzer Orchestra – anche quando il cinema pareva avere un ruolo predominante nella sua attività professionale  – è giunto oggi al suo secondo album in studio. I Shouldn’t Be Telling You This (questo il titolo)  è, a tutti gli effetti, un disco pensato, realizzato e confezionato con tutti i crismi di una seria produzione musicale. Undici brani per una durata di una quarantina di minuti: i pezzi scelti sono dei classici, jazz standard da sempre facenti parte del patrimonio musicale a stelle e strisce. Nomi prestigiosi e non comuni sono invece quelli degli artisti che hanno accettato di collaborare con Jeff, prestando la propria voce nell’interpretazione di brani noti e notissimi. Sharon Van Etten, in primis, ma anche Miley Cyrus, Fiona Apple e Anna Calvi, passando per Gregory Porter e Inara George.

Sharon Van Etten, inconfondibile, fa capolino sul brano che apre il disco, una suadente e languida Let’s face the music and dance, immortale pezzo del repertorio di Irving Berlin, che in questa versione targata 2019 vede parte vocale e sezioni strumentali alternarsi in perfetto equilibrio.

E’ invece di Inara George la voce che udiamo in The Sidewinder / The Beat Goes On,  cover dell’omonimo brano di Sonny & Cher, occasione per la musicista americana di fare bello sfoggio del proprio delicato fraseggio. Splendida la versione proposta del classico di Rube Bloom del 1938,  Don’t Worry ‘bout Me, che puo’ fregiarsi dell’interpretazione di una Fiona Apple in gran forma, accompagnata languidamente dalle note del pianoforte in dialogo con percussioni e contrabbasso in una continua variazione di ritmo.

E’ un mix fra lo standard jazz Four on Six  di Wes Montgomery e Broken English di Marianne Faithfull il brano che vede invece protagonista Anna Calvi, la cui interpretazione elegante e senza sbavature è probabilmente una delle più interessanti e riuscite dell’album.

Magnifica la traccia interpretata da Miley Cyrus, The Thrill Is Gone / Django pezzo sublimato da una azzeccatissima parte strumentale a sublimare il cantato dell’americana, che mostra in quest’occasione una maturità inaspettata. Tracce solo strumentali si alternano ai pezzi cantati, lasciando a Goldblum e ai musicisti della Mildred Snitzer Orchestra di lanciarsi in tanto affascinanti quanto riusciti virtuosismi, che non prendono mai, tuttavia il sopravvento.

Ecco quindi passare in rassegna Driftin‘ di Herbie Hancock, The Kicker di Joe Henderson e The Cat dell’argentino Lalo Schifrin, a comporre con eleganza e raffinatezza un mosaico in cui nessun elemento mette mai veramente in ombra l’altro.

Due sono le voci maschili presenti sul disco: quella di Gregory Porter impegnato nella cover di Make Someone Happy, brano reso celebre negli anni 60 da Andy Williams, e in chiusura proprio quella di Jeff Goldblum, che si lancia – onorevolmente – nell’interpretazione di Little Man You’ve Had A Busy Day, brano portato al successo da Bing Crosby.

Il disco scorre gradevole e si lascia ascoltare con immenso piacere. Un’occasione per ripassare brani che fanno parte integrante del nostro patrimonio culturale riletti e aggiornati senza tuttavia uscirne stravolti.

Attendiamo Jeff Goldblum alla prova del live, sapendo che l’attore/musicista non disdegna la scena della capitale francese.

8/10

 

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: