Vai al contenuto

(recensione): Big Thief – Two Hands (4AD, 2019)

Big Thief - Two Hands

Avevamo appena finito di dirvi tutto il bene possibile di U.F.O.F, opera terza dei Big Thief,  pubblicata lo scorso maggio, ed eccoci alle prese con il quarto, inatteso album della band.

Sono in un periodo di estrema creatività gli americani di Brooklyn e Two Hands, questo il titolo del loro nuovo lavoro ne è la conferma. Lungi dall’essere una raccolta di side B dei brani inseriti nel disco precedente, le dieci tracce disvelate lo scorso venerdi da Adrienne Lenker ed accoliti sono, forse,  fra le più belle mai composte dal gruppo.

Registrato in Texas, nello studio Southwestern Sonic Ranch, a qualche chilometro da El Paso, Two Hands, risente della dimensione intimista conferita dall’aridità della situazione climatica, e, laddove U.F.O.F si caratterizzava soprattutto per le sue atmosfere eteree e sognanti, questo nuovo capitolo nella – ormai rimarchevole – discografia della band, si segnala invece per le sue venature minimaliste ed essenziali. 

Dieci brani per una durata di circa 39 minuti. La bellezza folgorante delle sonorità elaborate dalla band newyorkese non deve trarre in inganno sui temi crudi che sono i protagonisti dei testi e costituiscono il fil rouge dell’album, che abbandona la dimensione ultraterrena del suo disco gemello e ci parla senza veli delle asperità della vita su questa terra. Musicalmente siamo in presenza di un disco registrato in presa diretta. Le sovraincisioni sono ridotte al minimo in modo da far emergere, fragile e potente allo stesso tempo, la bella voce di Adrienne. Nuances indiefolk e rock si mescolano traccia dopo traccia, nel solco della più classica tradizione a stelle e strisce, sublimate dal dialogo di chitarra e basso, scandite dalle percussioni perfettamente assicurate da James Krivchenia.

E’ alla delicata ballata Rock and Sing che è affidato il compito di aprire l’album, ma ben più interessante ci pare la seconda traccia, una struggente e magnifica Forgotten Eyes, in cui viene empaticamente affrontato il problema dei senzatetto.

Hollow-eyed on Eddie Street‚ no sirens to hear
Just trash and soiled needles clawing the veneer
And no crying but it is no less a tear
On the common cheek with which we smile
Hollow-eyed on Eddie‚ is it they or is it I?
Is it me who is more hollow as I’m quickly passing by?
And the poison is killing them, but then so am I
As I turn away

recita Adrienne nella seconda strofa, con la voce che quasi le si spezza in gola.

Ancora più belle ed intense tracce come The Toy e Cut My Hair, nelle quali fanno capolino i dubbi e le paure della musicista, alle prese con irrisolti interrogativi sul proprio orientamento sessuale.

Teeth drool and bared
Make a clean incision, hold me for ransom
Tell me I’m pretty, tell me I’m rare
Talk to the boy in me, he’s there

canta Adrienne nel brano che chiude l’album con un’allusione nemmeno troppo nascosta a sonorità à la Radiohead, mentre nella splendida The Toy, forse il brano più bello scritto dalla band udiamo

In the room, her warm hands play
On my breast, what is she singing?
The form ringing and ringing
‘Cause the toy in my hand is real
The toy in my hand is real

in un continuo slittamento fra i pronomi he/she, him/her.

Magnifica la sequenza centrale, costituita da Shoulders, Not e Wolf: un itinerario affascinante che ci trasporta dalle cadenze rock, potenti ed energiche della prima traccia, inclusa per la prima volta in un album in studio, dopo essere stata interpretata in più di un’occasione in concerto, fino a diventare una delle canzoni predilette dai fans, alle movenze grunge e post-punk di Not, che offre ad Adrienne l’opportunità di fare bella mostra della propria incredibile voce.

Delicata e classicamente folk Wolf si apre su una magnifica introduzione giocata sul dialogo fra riff di chitarra acustica e sola voce, a sottolineare uno dei brani più belli di un disco nel complesso più che riuscito.

Attendiamo ora i Big Thief alla prova del live.

Click here to listen & buy

8,7/10

 

 

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: