Vai al contenuto

(recensione): Elbow – Giants of all sizes (Polydor, 2019)

Elbow - Giants of all sizes

Si apre sulle note cupe e inquietanti di Dexter & Sinister, Giants of all sizes, il nuovo, ottavo album dei britannici Elbow. Brano che puo’ contare sulla collaborazione di Jesca Hoop che ha prestato la sua voce nei cori, Dexter & Sinister, termini rubati all’araldica (Dexter sta per onorata destra e Sinister ordinaria sinistra, nella geografia degli scudi, ndlr), affronta con onestà e inquietudine il delicato momento che il Regno Unito post-Brexit sta attraversando. A ben vedere una scelta in un certo senso obbligata dai tempi che stiamo vivendo, ma che, allo stesso tempo, segna un interessante cambio di rotta nella produzione artistica di una band divenuta, nel corso degli anni, a partire dalla fondazione sul finire degli anni 90, e suo malgrado, estremamente popolare.

Giants of all sizes, questo il titolo, del nuovo lavoro della band di Manchester ha preso un po’ tutti in contropiede e non solo per i temi affrontati nei testi.

Al momento della pubblicazione di Dexter & Sinister, lo scorso 1 agosto, Guy Garvey, lead singer della band ha definito il brano come “una grande e sconcertante domanda sui propri sentimenti sulla Brexit, la perdita della famiglia e degli amici (impossibile non andare con la mente all’improvvisa scomparsa di Jan Oldenburg fondatore del Night & Day Café e dell’amico di sempre Scott Alexander dei Big Hands) e, più in generale, sul senso di disaffezione per tutto quanto mi circonda attualmente”. La disperazione risulta effettivamente palpabile udendo parole come:

Unstuck and the whole archipelago is rocking like a suicide pedalo at a high tide
Blazing eyes hey how’ d’ya keep your eyes ablaze
In these faith free, hope free, charity free days

introdotte da un vorticoso mélange di giri di basso e riff di chitarra, sottolineate dal dialogo con le tastiere.

Appaiono definitivamente superati i giorni di One Day Like This Day, forse il loro brano più noto, e l’ottimismo che lo pervadeva.

E, in effetti, a dispetto del sound bello, ricco e raffinato, suonano come confessioni diperate brani come Seven Veils e My Trouble, dedicati ad amori finiti o infelici.

I see ahead by a hundred moves
And I saw you, but I let you saw me in two
‘Cause that’s what illusionists do
The way you kissed me when you lost another valentine
The way you kissed me when you lost another valentine
The way you kissed me when you lost another valentine

canta Garvey nella prima strofa di Seven Veils.

Musicalmente le nove tracce che compongono l’album sono difficilmente ascrivibili a un genere o a un unico stile. Da sempre attratti dal progressive rock britannico, questa influenza risulta qui chiara e visibile, mescolata tuttavia a venature elettroniche, cadenze jazz, o melodie tratte dalla musica tradizionale e popolare, intrecciate fino a costruire una trama complessa dalle ricche ed eleganti orchestrazioni.

E’ il caso della magnifica Empires, secondo singolo estratto dall’album, che è anche uno dei suoi episodi migliori, brano dalle continue variazioni di ritmo, nel quale movenze contemporanee si alternano a melodie d’antan in un affascinante slittamento spazio temporale.

E’ dedicato al tragico incendio della Grenfell Tower, White Noise White Heat, pezzo che risuona magnifico e tragico allo stesso tempo.

I was born with trust
That didn’t survive the white noise of the lies
The white heat of injustice has taken my eyes
I just wanna get high

I tried to save the world silly boy by sullen girl with love as a given
Driven by my certainty
That they’d never beat it out of me

canta Guy, sullo sfondo di una melodia cupa e sinistra accentuata dall’intervento degli archi sul finale.

Infine, fra le tracce più significative e belle di un album nel complesso bellissimo, non posso esimermi dal segnalare la malinconica The Delayed 3:15 o in coda la corale On Deronda Road.

Click here to listen & buy
8,7/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: