Vai al contenuto

(recensione): Chromatics – Closer to Grey (Italians do it Better, 2019)

Chromatics - Closer to Grey

La prima sorpresa che ci riserva il mese di ottobre è l’inaspettata pubblicazione del sesto album in studio degli americani Chromatics. Sesto album effettivo, sebbene sia considerato a tutti gli effetti il settimo: Dear Tommy, il sesto capitolo ufficiale della discografia della band, più volte annunciato, e del quale a spizzichi e bocconi sono state disvelate alcune tracce fra cui la titletrack, non è ancora stato ufficialmente archiviato, se dobbiamo dare credito al sito della casa discografica, ma è Closer to Grey che ha, oggi, preso il testimone guadagnandosi gli onori della cronaca.

La  band di Portland, costitutuita dalla lead singer Ruth Radelet, da Johnny Jewel, produttore e multistrumentista, il chitarrista Adam Miller e Nath Walker alla batteria e ai sintetizzatori, è nota per le sue atmosfere rarefatte e sensuali che paiono rubate a un noir hollywoodiano d’antan. Non fa eccezione questo nuovo lavoro. Attraversato, come il precedente Kill for Love, da venature elettroniche e nuances notturne, traccia dopo traccia, dà vita a un mosaico multiforme dalle sonorità elegantemente tenebrose.

Ma andiamo con ordine. E’ una cover ad aprire il disco, ovvero la celeberrima The Sound of Silence di Simon & Garfunkel, che, nella versione dei Chromatics assume una cadenza allo stesso tempo solenne e ieratica. Non è la sola cover presente sul disco: nella seconda metà dell’album trova spazio anche On the Wall dei Jesus and Mary Chains, trasformata quasi radicalmente dalla voce di Ruth  e dagli arrangiamenti elaborati di Jewel, che dilatano i quattro minuti dell’originale fino a raddoppiarne la durata.

L’album è nel suo complesso coerente e i brani che lo compongono, sebbene ciascuno, preso singolarmente, sia un episodio perfettamente compiuto e a sè stante, sono intimamente legati l’uno all’altro, come i capitoli di un romanzo.

Molteplici sono i momenti eccellenti: a partire dalla sensuale You’re No Good, che ci racconta di un amore ossessivo e malato.

I know you’re no good, no
But I can’t stay away from you
I know you’re no good, no
But I can’t stay away from you

canta Ruth.

Bellissime anche l’ipnotica Light as a Feather e Touch Red, sublimata da un magnifico e  avvolgente riff di chitarra in dialogo con suadenti sintetizzatori.

Touch red
You’re cold as ice
Touch blue
The taste of water
Touch red
Inside your eyes
Touch blue
The world needs colour

recita il ritornello.

Sono ballate dal sapore d’antan Move a Mountain e Wishing Well, il pezzo che chiude il disco con una nota agrodolce.

I drop a dime in the wishing well
Where all things are new
And a kiss never tells
I’m doing time where dreams are for sale
In a room with a view
And the bruises are blue

Tomorrow will start over
When today says goodnight
Morning will forget
About the ghost of last night

sono le strofe che chiudono il brano e l’album con una nota di lucido disincanto.

La titletrack Closer to Grey è brano che non stonerebbe nella discografia dei New Order. Un secondo episodio solo strumentale – con lo stesso titolo Love Theme from Closer to Grey arriva verso la fine del disco. Un pezzo ombroso e dal sapore misterioso che potrebbe tranquillamente trovare spazio nella colonna sonora di un film  giallo o un thriller.

Un disco che ci pare decisamente riuscito. I Chromatics sono fra i nomi di punta del Pitchfork Festival, che avrà luogo il mese prossimo a Parigi. Ve ne parleremo.

8,4/10

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: