Vai al contenuto

(live report): John Cale 2019 – 1964 : Futurespective @Salle des concerts (Cité de la musique, 25 septembre 2019)

JOHN CALE 2019 - 1964 : FUTURESPECTIVE

Fra gli innumerevoli appuntamenti di quest’ultimo scorcio di settembre, un posto di primissimo piano spetta al ritorno di John Cale alla Cité de la Musique, a tre anni di distanza dalla serie di eventi organizzati per celebrare uno degli album più famosi e iconici di sempre, The Velvet Underground & Nico. John Cale, che di quel disco è uno dei principali artefici, è tuttavia molto di più che uno degli storici componenti della band più famosa della Grande Mela. Musicista polistrumentista versatile, produttore, scultore, il gallese puo’ vantare una carriera lunga ormai più di cinquant’ anni, proseguita, al termine dell’avventura wharoliana, in veste solista.

Tre le serate alla Cité de la Musique: pensate come una sorta di ripasso della lunghissima avventura musicale di Cale, già a partire dal titolo, 2019-1964: Futurespective, facevano pregustare la ricchezza del programma al quale avremmo assistitito.

Tre serate e tre setlist completamente differenti ogni sera. Non sarebbe nemmeno da specificare, visto che i fan e gli estimatori di Cale sanno, da sempre, che il nostro non è uomo banale e ripetitivo.

Coeurs & Choeurs ha avuto la possibilità di essere presente mercoledi’ 25 ed è quindi da qui che inizia il nostro racconto.

Ore 20.30, Salle des Concerts. Entriamo in una sala pressochè completamente riempita, già in penombra. Il pubblico è composito ed estremamente variato: ci sono settantenni, che presumibilmente hanno vissuto l’epopea dei Velvet Underground, ma anche tanti ventenni, a conferma del fascino esercitato dalla band negli anni che sono seguiti al suo scioglimento.

Sul palco, sul cui sfondo sono proeiettante immagini caleidoscopiche dai colori iridescenti pensate dall’artista e designer Abby Porter, sono già pronti gli strumenti che attendono John e i musicisti che lo accompagnano in questa tournée, ovvero il chitarrista Dustin Boyer, Joey Maramba, al basso, e il batterista Deantoni Parks. Ciliegina sulla torta, la presenza straordinaria di Cate Le Bon, fresca della pubblicazione di uno dei lavori migliori dell’estate, ovvero Reward, disco apparso a fine luglio, di cui vi abbiamo diffusamente parlato.

La serata si apre sulle note di E is Missing, brano dedicato a Ezra Pound e presente sull’EP 5 tracks del 2005, che ci accoglie con la ancora potente voce di Cale sottolineata da un vortice di distorsioni e riverberi.

Scorrono una dietro l’altra tracce note e meno note, estrapolate da pressoché tutti i lavori di John. Cosi’ c’è spazio anche per la magnifica, solo strumentale, The Philosopher, tratta da The Academy in Peril, capolavoro datato 1972, affascinante mélange di rock e musica classica, con la sua trama singolare e dissonante, nella quale chitarra, batteria e tastiere si sposano ad elementi più classicheggianti.

L’album più rappresentato è Fear, del 1974, presente con ben tre titoli, ovvero You Know More than i Know, la sublime e tagliente Fear is a Best Man’s Friend e Emily, brano dell’encore che chiuderà il concerto.

Riuscita e accolta calorosamente dal pubblico anche Satellite Walk, canzone estratta dall’album del 1984 Artificial Intelligence, dal ritmo coinvolgente, occasione per Cate Le Bon di fare udire la propria bella voce in controcanto.

C’è spazio anche per le cover e mercoledi è il turno della struggente Hallelujah di Leonard Cohen, che risuona ieratica nel buio della sala.

Paris 1919, uno dei dischi chiave della produzione solista di John è rappresentato dalla epica e poetica The Endless Plain of Fortune.

John Cale (c) Ebru Yildiz
John Cale (c) Ebru Yildiz

La produzione di Cale è talmente ricca che non vi è alcuna necessità di inserire pezzi dei Velvet Underground per rimpolpare una setlist. Un brano la prima serata, nessuno la seconda. Ci si domandava tutti cosa ci avrebbe riservato il mercoledi ed è quindi con immenso piacere che siamo stati premiati con una versione insolita, ma non per questo meno bella di Femme Fatale, occasione per un emozionante duetto di John con Cate Le Bon, a rendere perfetta una magnifica serata.

JOHN CALE 2019 - 1964 : FUTURESPECTIVE
JOHN CALE 2019 – 1964 : FUTURESPECTIVE

Setlist

E Is Missing
The Philosopher
Leaving It Up to You
(I Keep A) Close Watch
Story of Blood
Fear Is a Man’s Best Friend
Hallelujah (Leonard Cohen cover)
Riverbank
Secret Corrida
The Endless Plain of Fortune
Wasteland
You Know More Than I Know
Satellite Walk
Letter From Abroad
Femme Fatale (The Velvet Underground song)
Encore:
Emily

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: