Vai al contenuto

(recensione): Iggy Pop – Free (Loma Vista, 2019)

Iggy Pop, Free

Figura leggendaria della scena rock sin dalla metà degli anni 60, tanto in veste solista che con gli Stooges o nell’ambito di collaborazioni prestigiose, da David Bowie a Lou Reed passando per John Cale, tanto per fare qualche nome in modo in nessun caso esaustivo della poliedricità del personaggio. Arriviamo quindi al 2016, anno della pubblicazione dell’ultimo lavoro in studio dell‘Iguana, ovvero Post Pop Depression, composto e interpretato assieme a Josh Homme, lead singer dei Queens of the Stone Age. Iggy Pop, a 72 anni, non ha smesso di anelare alla libertà. Libertà creativa innanzitutto. Ed è semplicemente Free il titolo scelto per il suo ultimo album, disvelato lo scorso 6 settembre.

Quando ci si cimenta alla critica di personaggi di tale caratura grandi sono i rischi che si corrono. Quello di essere troppo retorici o, per reazione, troppo severi. O ancora si è tentati di fare paralleli o confronti con i tempi che furono. Per questo, mettendoci all’ascolto di Free abbiamo cercato di essere il più possibile obiettivi e neutrali.

Ma andiamo con ordine. Iggy Pop ha settantadue anni compiuti ed è chiaro che anche per lui sia giunto il tempo di fare bilanci e di guardare le proprie vita e carriera in retrospettiva. Free è in un certo senso l’esito di questa operazione: cupo e ombroso, lontano dalle atmosfere rock tipiche degli anni Stooges e attraversato da venature jazzate e nuances elettroniche, l’album rievoca in filigrana soprattutto l’epoca berlinese e l’amicizia con David Bowie, la cui presenza è evidente in gran parte delle dieci tracce dell’album.

E’ la titletrack Free ad aprire le danze. Titolo interlocutorio e programmatico, dalle nuances cupe e struggenti, ci guida fino a Love Missing, brano che si sviluppa in crescendo e che evoca, in parte le sonorità elaborate assieme a Josh Homme per Post Pop Depression. Ma il meglio deve ancora venire. Fra i momenti più interessanti del disco Sonali e James Bond si segnalano per il loro sound unico e particolare. Attraversati da sfumature jazz garantite dagli ottoni di Leron Thomas che in Free si occupa anche, splenidamente, degli arrangiamenti, i due pezzi non sono solo due dei migliori di questo disco, ma possono tout court essere considerati come due dei più migliori lavori dell’Iguana dai tempi glorosiosi di Lust for Life.

Non meno intensa l’ironica Dirty Sanchez, scritta da Leron Thomas, brano dal ritmo martellante che mescola cadenze latino americane con venature jazz, provocando un effetto volutamente straniante, fino a sfumare sui riff di chitarra di Noveller, ovvero Sarah Lipstate, musicista talentuosa, già accanto a Iggy in occasione di alcune date del Post Pop Depression tour.

Sono due struggenti omaggi all’amico Bowie, Glow in the Dark e Page, brani che evocano sonorità anni 80 e movenze glam rock, sottolineate da nuances jazzate a intensificare la ieracità di sottofondo della trama.

L’album si chiude con una sequenza bella e potente di tre brani solo recitati: ovvero la magnifica la ballata al pianoforte We are the people nella quale Iggy declama con la sua voce inconfondibile una poesia scritta da Lou Reed nel 1970, alla quale fa seguito Do Not Go Gentle into That Good Night, poema di Dylan Thomas e, infine l’autografaThe Dawn.

We are the people without sorrow
Who have moved beyond national pride and indifference
To a parody of instinct
We are the people who are desperate
Beyond emotion because it defies thought
We are the people who conceive our destruction and carry it out lawfully
We are the insects of someone else’s thought
A casualty of daytime, nighttime, space, and God
Without race, nationality, or religion
We are the people, and the people, the people

dice Iggy con le parole di Lou Reed.

Ma ci pare che ancora più efficaci ed esempliari siano le proprie parole, usate da Iggy in The Dawn:

Waiting for the dawn again
The darkness is like a challenger
To all my schemes and orders
And forced good nature
To just lay down is to give up
You gotta do something
Something
Because the dark is like a challenger
And he will point out the sore point
The wanting point
In my stage of the game
He’ll point out memories
Basic, basic memories

Un disco sincero, bello e necessario.

Click here to listen & buy
8,8/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

2 pensieri riguardo “(recensione): Iggy Pop – Free (Loma Vista, 2019) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: