Vai al contenuto

(recensione): Efterklang – Altid Sammen (4AD, 2019)

Efterklang - Altid Sammen

Gruppo danese fondato da Casper Clausen, Mads Brauer e Rasmus Stolberg, che assieme al finlandese Tatu Rönkkkö sono anche all’origine della band synth-pop Liima (che abbiamo avuto l’occasione di vedere in azione un paio di volte nel corso della promozione del loro ultimo album 1982), gli Efterklang si sono segnalati, nel corso degli anni per il loro eclettismo e per il marcato gusto per la sperimentazione. Paladini di un sound post rock, minimalista e barocco allo stesso tempo, arricchito qua e là da venature elettroniche e synthwave, i danesi si sono segnalati per la qualità e l’originalità della loro proposta, sin dal loro debutto, avvenuto nel 2004 con l’album Tripper, lavoro che ha aperto la strada per quello che è stato definito il movimento indie classical, e hanno raggiunto il momento forse più interessante della loro carriera con la pubblicazione di Piramida, piccolo gioiello neo-classico, con il quali sono arrivati a suonare sino all’Opera House di Sydney.

Il 2019 segna il loro ritorno alla musica, questa volta con l’album Altid Sammad, lavoro registrato integralmente in lingua danese. Un disco che conferma l’indiscusso talento della band e la sua maestria nell’elaborare un sound maestoso e articolato, dalle nuances ariose ed eteree, sia pur, in questa circostanza, in scala ridotta e minimalista.

Sintettizzatori, chitarre, tastiere e basso in dialogo in pressoché tutte e nove le tracce incluse nel disco, fanno da sfondo al fraseggio limpido e chiaro di Claunsen, creando un insieme omogeneo e coerente, qua e là illuminato da passaggi di sublime bellezza, sottolineati dall’intreccio con archi e fiati.

E’ il singolo Vi er uendelig, in italiano Siamo Infiniti ad aprire le danze. Ed è anche il primo estratto dell’album, accompagnato da un videoclip nel quale compare la bella connazionale Helena Christensen, top model da sempre vicina al mondo rock.

Altid os, sammen om at dele os
Vi er uendelig
Du forstår, vi skwndes om at lyse op
Altid os
Vi er uendelig
Vi er uendelig

(Always us, together to share us
We are infinite
You see, we were about to lighten up
Always us
We are infinite
We are infinite)

canta Casper, in coda al brano.

Fra gli episodi più riusciti dell’album segnaliamo innanzitutto l’elaborata I dine øjne (Nei tuoi occhi), traccia che vede il singolare mélanges di nuances moderne ed elettroniche, garantite da un bell’arpeggio di sintetizzatori, con venature classicheggianti, offerte da una ricca sezione di archi.

Bella anche Uden Ansigt, brano che si sviluppa tutto in crescendo, fino ad esplodere con un finale maestoso ed elegante.

Ma i momenti migliori arrivano con i brani più estesi del disco, ovvero, Under broen der ligger du e Hold Mine Hænder che sfruttano il tempo a disposizione dilatato (sette minuti abbondanti ciascuno), per mescolare cadenze elettroniche a strumentazioni orchestrali, arricchendole con venature jazzate, replicando in parte i fasti di Piramida.

Un lavoro nel complesso estremamente gradevole che si merita una nota più che positiva.

7,5/10

Click here to listen & buy

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: