Vai al contenuto

(recensione) : Lana del Rey – Norman Fucking Rockwell! (Interscope, 2019)

Lana Del Rey, Norman Fucking Rockwell!

Musicista dalle atmosfere eteree e surreali, Lana Del Rey si è conquistata un posto centrale nel panorama pop internazionale. E a ragione, perchè la sua proposta si discosta decisamente dagli stereotipi frivoli e leggeri spesso associati al genere. Voce sognante, testi languidi e scenari glamour sono il cuore pulsante dell’universo descritto dall’americana che, a partire dal nome scelto per la scena, ama rievocare i vasti in chiaroscuro di una Hollywood d’altri tempi.

Sebbene la California sia il suo scenario preferito, Lana, al secolo Elizabeth Woolridge Grant, è nata e cresciuta a New York, in una ricca famiglia di origini scozzesi che l’ha sostenuta con convinzione agli inizi della sua ormai decennale carriera, coronata da album talvolta accolti con scetticismo dalla critica ma che le sono valsi una devozione totale da parte di schiere di fan adoranti.

Viene pubblicato in questi giorni Norman Fucking Rockwell! sesta prova in studio della musicista new yorkese, un album bello e riuscito che, per quanto ci riguarda, apprezzando da sempre il sound proposto da Lana, altro non è che una chiara conferma della sua maturazione artistica.

Ma andiamo con ordine. L’album è in un certo senso la naturale continuazione del precedente Lust for Life: alcuni dei titoli presenti sul disco sono stati infatti composti nel 2017 e, in un certo senso, l’atmosfera generale che si respira è la medesima, sebbene in questa nuova parte della sua carriera ci pare Lana abbia assunto una maggiore consapevolezza e certi accenti cupi del passato siano stati sostituiti da un nuovo inaspettato ottimismo.

E’ la titletrack Norman Fucking Rockweell! ad aprire le danze: una languida ballata dominata dalle note del pianoforte dedicata a un immaginario personaggio maschile, immaturo e infantile, giustamente apostrofato con i versi:

Goddamn, man-child
You fucked me so good that I almost said, “I love you”
You’re fun and you’re wild
But you don’t know the half of the shit that you put me through
Your poetry’s bad and you blame the news
But I can’t change that, and I can’t change your mood, ah

Mariners Apartment Complex, primo singolo estratto dall’album, pubblicato nel settembre dello scorso anno e incluso assieme a Venice Bitch in un mini EP, conferma questo trend. Se nel passato Lana amava, in un certo senso, crogiolarsi in storie sentimentali a senso unico, venate da tratti di autolesionismo, spesso disturbanti, ora i toni sono decisamente più assertivi ed è cosi che che nella seconda strofa udiamo:

They mistook my kindness for weakness
I fucked up, I know that, but Jesus
Can’t a girl just do the best she can?
Catch a wave and take in the sweetness
Think about it, the darkness, the deepness
All the things that make me who I am

La California come sempre è al centro dell’immaginario di Lana, e viene celebrata traccia dopo traccia. Come in Venice Bitch, brano-fiume della durata di quasi dieci minuti, nel quale fra riff di chitarre distorte e sintetizzori a creare una trama in perfetto equilibrio fra armonia e dissonanza, non mancano riferimenti più o meno diretti a film o canzoni che nella città degli angeli sono ambientati.

Oh God, miss you on my lips
It’s me, your little Venice bitch
On the stoop with the neighborhood kids
Callin’ out, bang bang, kiss kiss

canta l’americana, citando il noir Kiss Kiss Bang Bang, pellicola del 2005 ambientata a Hollywood, per proseguire con un ritornello che rievoca i fasti delle estati psichedeliche a base di musica e surf delle LA anni ’60.

Back, back in the garden
We’re getting high now because we’re older
Me myself, I like diamonds
My baby, crimson and clover

recita il brano, quasi in chiusura, accennando al titolo omonimo di Tommy James and the Shondells, una delle hits del 1969.

Numerosi sono gli episodi eccellenti dell’album. A partire da Doin’ Time, meravigliosa rilettura del classico Summertime tratto dall’opera Porgy and Bess di Gershwin, brano attualizzato e presentato nella versione del 1996 dei Sublime di cui conserva e amplifica la bellezza.

Ma non meno significative ci paiono anche tracce come la programmatica California, che suona come una vera dichiarazione d’amore al più assolato degli stati americani.

If you come back to America, just hit me up
‘Cause this is crazy love, I’ll catch you on the flip side
If you come back to California, you should just hit me up
We’ll do whatever you want, travel wherever how far
We’ll hit up all the old places
We’ll have a party, we’ll dance ‘til dawn
I’ll pick up all of your Vogues and all of your Rolling Stones
Your favorite liquor off the top shelf
I’ll throw a party all night long

O ancora la struggente e nostalgica The Greatest, dalle cadenze vagamente seventies. O la bella Bartender, con il suo testo folgorante sottolineato da immagini più che riuscite, come nel caso della seconda strofa:

All the ladies of the canyon
Wearing white for their tea parties
Playing games of levitation
Meditating in the garden

Chiudono l’album le delicate Happiness is a Butterfly e Hope is a dangerous thing for a woman like me to have – but I have it, brano dedicato a Sylvia Plath, da sempre nume tutelare della Del Rey.

Un album bello e riuscito, come anticipavamo in apertura per un’artista sempre più consistente e dallo stile originale e coerente, che attendiamo nella sua prossima tappa parigina.

Click here to listen & buy
8,2/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: