Vai al contenuto

(recensione): Mini Mansions – Guy Walks Into a Bar (Fiction, 2019)

Mini Mansions - Guy Walks into a Bar

Band nata in California nel 2009 da un idea di Michael Shuman, talentuoso multistrumentista, già bassista dei più noti Queens of the Stone Age, che, per l’occasione, si avvale della collaborazione di Zach Dawes e Tayler Parkford, i Mini Mansions si muovono in un territorio all’intersezione fra psichedelia e rock alternativo. A un primo EP nel 2009 hanno fatto seguito un album omonimo nel 2010 e un secondo lavoro nel 2015, dal titolo The Great Pretenders. Giunge in questi giorni la loro terza fatica in studio, Guy Walks Into a Bar. Stella polare di questo disco e fil rouge che lega le undici tracce che lo compongono è la complicata vita sentimentale di Shuman che, traccia dopo traccia, ci racconta le varie fasi di una relazione complessa e tormentata.

E’ l’effervescente Should Be Dancing ad aprire le danze e l’album. Un brano accattivante, che non stonerebbe in un lavoro degli Arctic Monkeys, ci introduce nell’universo allegro e colorato della band, che potrebbe tranquillamente essere riassunto con la formula: Alex Turner incontra i Queens of Stone Age e si scatena in un sound fra rock, psychedelia e pop gotico.

Lights on the town
Looking for a rise
Where we go search for thrills
Dressed to kill, popping pills
We’re out of our mind
‘Cause when we go out
I’d rather be inside
Where we can talk about
Laugh about, scream and shout

recita in apertura il testo.

La serie di tracce glam e decisamente gradevoli procede con decisione: e cosi ecco, una di seguito all’altra, la ritmatissima Bad Things (That Make You Feel Good), primo singolo estratto dall’album, apparso  lo scorso aprile e accompagnato da tanto di videoclip promozionale, con il suo ritmo punkrock e l’ipnotica Don’t Even Know You, che possiamo tranquillamente annoverare fra gli episodi più riusciti dell’album,  con le sue cadenze dreampop dalle venature psichedeliche.

All practical jokes aside, I’m way too shy
But I will always remember
Even as you walk away, I feel your gaze
And yet you hesitate
In another life
I wouldn’t have to pretend you’re mine

canta Shuman, malinconicamente.

L’album, strutturato in modo da tale da poter leggere le differenti tracce come i capitoli di un romanzo narrante una storia d’amore in tutti i suoi vari passaggi, prosegue con Forgot Your Name e I’m In love, la prima dalle movenze decisamente rock, sottolineata da cori anni vagamente d’antan, la seconda, secondo singolo estratto dal disco, un mélage riuscito di glamrock, postpunk e discopop.

Cosi, fra atmosfere anni 80 e venature rock ci troviamo nella seconda parte del disco, che vira decisamente verso sonorità glam e new wave, come nel caso di Works Every Time che ricorda, specie nei primi passaggi, certe atmosfere alla Cock Robin.

Puo’ contare sul prestigioso featuring di Alison Mosshart dei Kills la penultima traccia in scaletta, ovvero Hey Lover, struggente dialogo sentimentale che prelude a una imminente rottura.

If this is the end
How can we be sure
That we found our everlasting love?
The things that we said
Our foot out the door
Don’t you know we’ve done this all before?
Now we’re crying

L’album si chiude con la malinconica Tears in Her Eyes brano che suggella un lavoro nel complesso piacevole e riuscito che conferma la vivacità e il talento di una band da non perdere di vista.

7,6/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

One thought on “(recensione): Mini Mansions – Guy Walks Into a Bar (Fiction, 2019) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: