Vai al contenuto

(live report): Lollapalooza festival (Paris, 21 luglio 2019)

Lollapalooza Paris 2019

Arrivato alla terza edizione nella capitale francese, la versione parigina del Lollapalooza Festival conserva inalterato un certo fascino e un appeal glamour, come si conviene a un festival targato USA. Grazie a un budget considerevole che consente nomi prestigiosi in esclusiva, l’evento, come di consueto ospitato dall’Hippodrome ParisLongchamp, dopo i fasti di Lana Del Rey e Red Hot Chili Peppers nel 2017 e Depeche Mode, Gorillaz e The Killer nel 2018, poteva contare quest’anno sulla presenza nientemeno che degli Strokes, band amatissima da una foltissima schiera di fan e non certo prodiga di apparizioni a queste latitudini.

Lollapalooza Paris 2019

Come di consueto due i giorni di programmazione: sabato 20 la lineup prevedeva, fra gli altri, fra gli headliners i Twenty One Pilots e le star francesi Jain – reginetta pop – e Orelsan – rapper controverso, ma di sicuro talento. Malgrado l’offerta fosse allettante, a noi interessavano soprattutto le proposte della seconda giornata e quindi abbiamo deciso di assistere unicamente ai concerti di domenica 21. Il nostro racconto comincia dunque da qui.

Come di consueto il festival organizza un efficiente servizio di navette per raggiungere il sito dell’ippodromo. Tutto fila alla perfezione e malgrado il caldo soffocante e le distanze non banali, arriviamo sul prato che ospita i due palchi principali alle 16, giusto in tempo per assistere nella sua integralità al concerto della danese . Ed è un inizio decisamente gradevole, con la musicista in gran forma, tanto da avventurarsi a più riprese nella fossa ad assaporare il contatto diretto con il pubblico. Molte delle tracce eseguite sono tratte dal suo recente Forever Neverland, di cui  abbiamo avuto modo di parlarvi:  citiamo su tutte delle belle versioni di Red Wine e Blur e a chiudere il set, ça va sans dire, Final Song.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Cambio di scena: sul palco accanto al nostro è previsto il duo rap americano Suicide Boys,  di cui ci limitiamo ad ascoltare solo distrattamente l’esibizione. Una folla di adolescenti si è infatti già radunata attorno a noi, alla barriera dello Stage 1, in attesa del rapper belga Romeo Elvis. Fratello della non meno nota Angèle, stella nascente del pop froncofono, il musicista, originario di Uccle, è noto per il suo aspetto svagato  e dinoccolato. Il suo è un rap riveduto e corretto, studiato per piacere agli adolescenti un po’ bobo, come del resto egli stesso rivendica in uno dei brani più amati del suo recente album Chocolat,  ed è forse anche per questo assai rassicurante.

Non è quindi un caso che il pubbico che incrociamo sotto il palco sia formato da giovani e da giovanissimi e moltissime ragazzine che intonano parola per parola i testi delle sue canzoni.  Grandi tuttavia sono le riserve che nutriamo verso Romeo Elvis e la sua esibizione, sebbene apprezzatissima dal pubblico, ha contribuito ad accrescere i nostri dubbi. Molti i titoli tratti da Chocolat (ricordiamo su tutti Parano) e qualche pezzo più datato come Drole de Question che scatena l’entusiasmo dei presenti, impegnati in pogo, senza tregua.

Romeo Elvis @Lollapalooza Paris
Romeo Elvis @Lollapalooza Paris

E’ decisamente più nelle nostre corde il musicista che ci accingiamo ad applaudire sul finire del pomeriggio: Ben Harper. Musicista elegante e raffinato con una vasta produzione all’intersezione fra il folk, il blues e il funkrock, Ben è come di consueto accompagnato dagli Innocent Criminals, Juan Nelson al basso, Leon Molby alle percussioni e Oliver Charles alla batteria. La setlist  è breve ma intensa ed offre al pubblico alcuni dei grandi classici del musicista, come Burn One Down e Fight for Your Mind, dall’album ominimo del 1995, la magnifica Diamonds on Inside, nonchè una meravigliosa cover di Superstitious di Steve Wonder, brano con il quale si accomiata dal pubblico.

Ben Harper @Lollapalooza Paris
Ben Harper @Lollapalooza Paris

In attesa degli Strokes, dallo Stage 2 ci giungono gli echi della performance dei paladini della trap, i Migos, che purtroppo ci limitiamo ad udire, ma che sono in grande forma e regalano al pubblico una setlist al fulmicotone. Fra i titoli in scaletta non mancano le scatenate Ice Tray, Bad and Boujee e Hannah Montana, che coinvolgono i presenti in pogo entusiasti.

Purtroppo a causa delle sovrapposizioni, siamo costretti a rinunciare ad assistere alle performances di Biffy Clyro e The 1975, ma i tempi e gli spazi sono ridotti,  e ben presto viene il momento tanto atteso, ovvero il set degli Strokes.

Band indierock newyorkese leggendaria, nata all’ inizio del secolo XXI (il loro debutto risale infatti al 2001), gli Strokes di Julian Casablancas, possono contare su una fanbase vasta e trasversale. Il pubblico che incontriamo nelle prime file parla una moltitudine di idiomi ed è assolutamente democratico, per età, gruppo etnico e genere. Ragazzine giovanissime, donne e uomini in proporzioni pressochè identiche, millennials o quarantenni della generation x. Ma ci sono anche famiglie con bambini, a testimonianza del fatto che la musica è ancora il più potente degli strumenti, capace di compattare nuclei sociali più o meno estesi.

In questo scorcio di tournée 2019 gli Strokes hanno deciso di adottare la più cool delle intro possibili. Sono le note di Heart in a Cage infatti a risuonare sullo sfondo di una scena hollywoodiana con il nome della band scintillante a illuminare il palco.

Un inizio a dir poco sfolgorante.

La band è in splendida forma con un Julian di ottimo umore, prodigo di battute rivolte tanto al pubblico quanto agli altri membri della band, Fabrizio Moretti e l’immancabile Albert Hammond Jr, in primis, che, di buon grado stanno al gioco, e fanno buon viso a cattiva sorte di fronte a qualche piccolo problema tecnico, prontamente risolto.

La setlist è una sorta di greatest hits e una dopo l’altra udiamo, magnificamente interpretate,  tutte le tracce più note dei newyorkesi, da You Only Live Once a New York City Cops, passando da Hard to Explain, Reptilia e Razorblade.

Indimenticabile, la sequenza scelta per terminare l’esibizione prevede 12:51, Someday, Is this It e, ultimo brano, Last Nite, a suggellare il concerto migliore a cui abbia assisitito quest’anno e che chiude anche il nostro Lollapalooza 2019.

Questa presentazione richiede JavaScript.

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: