Vai al contenuto

(live report): Afropunk Paris Festival @La Seine Musicale (Paris, 14 juillet 2019)

Afropunk Paris

Nato nel 2005 a Brooklyn da un’idea di Matthew Morgan, il festival Afropunk è divenuto in breve tempo un punto di riferimento per la cultura nera alternativa. Un secondo festival ad Atlanta, un terzo a Johannesburg in Sud Africa e, da cinque anni, un quarto appuntamento a Paris, si sono  aggiunti all’edizione new yorkese con il duplice scopo di far conoscere a un pubblico sempre più vasto il meglio della musica soul, jazz, hip hop e r’n’b più recente e nello stesso tempo con l’intento di coinvolgere le singole comunità locali nella diffusione dei valori e della creatività dell’universo afro, sparpagliato in una diaspora planetaria.

L’edizione 2019 poteva vantare un cartellone di stelle di prima grandezza, con all’attivo album fra i migliori pubblicati in questo primo scorcio di anno. La presenza di Janelle Monae, Lizzo, Solange, Little Simz come headliners ci ha convinto a essere presenti almeno ad una delle due giornate del festival, trasferitosi quest’anno a Boulogne Billancourt, sul sito della Seine Musicale.

La giornata di sabato 13 luglio – alla quale non abbiamo purtroppo avuto modo di partecipare- predeva in lineup, fra gli altri, la nigeriana Tiwa Savage, il duo francese Ibeyi e la meravigliosa Janelle Monae, protagonista di una performarce acclamatissima, se dobbiamo dare credito al racconto entusiasta dei presenti.

Archiviata purtroppo la prima giornata, veniamo al racconto di domenica.

Giunti alla Seine Musicale verso le 16, siamo stati immediatamente accolti da una moltitudine bella, allegra e colorata. Clima rilassato e sereno per un evento di cui la musica è indubbiamente stata la protagonista assoluta fuori e dentro la sala.

Primo concerto in programma, previsto sul palco blu (il grande palco è diviso in due settori, uno rosso e uno blu, sui quali si alternano i musicisti, ndr), è quello di Little Simz,  attrice e rapper britannica di origine nigeriana, con all’attivo tre album in studio, di cui l’ultimo in ordine di tempo, Grey Area, rientra facilmente nella lista del nostro best of del 2019.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Vestita sobriamente con una tuta nera e una t-shirt bianca e con i capelli raccolti in una chignon rasta, la giovane britannica propone una setlist in cui il più recente lavoro fa la parte del leone ed è presente con pressochè tutte le tracce più note: Venom, Boss, Flowers, fino all’apoteosi, sulle note della bella Selfish, brano intonato a memoria da tutta la sala. Ma c’è spazio anche per God Bless Mary, traccia presente su A Curious Tale of Trials + Persons, sentito omaggio alla vicina di casa della simpatica rapper, prezioso sostegno dei tempi più bui.

Un veloce cambio di scena, scandito da graditissimi dj set che trasformano puntualmente il parterre in una pista da ballo (dj set che prevedono successi hip hop o r’n’b dagli anni 90 a nostri giorni) ed ecco che Maleek Berry guadagna il palco rosso. Come Little Simz inglese di origine nigeriana, Maleek, ci propone un set vivace e coloratissimo, dalle venature afropop mescolate a nuances di volta in volta rap o r’n’b. Fra i pezzi più apprezzati Flashy e Kontrol, con le loro cadenze ironiche e sensuali.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Un brevissimo intermezzo musicale ed è ecco che viene il momento della bella IAM DDB acronimo dietro il quale si cela Diana De Brito, rapper britannica di stanza a Manchester, la regina indiscussa del nuovo urban jazz targato uk. Magnifica, vestita con pantaloni e top color pesca a far risaltare la pelle color ebano, Diana conquista il pubblico con alcuni dei pezzi più amati del suo repertorio recente e recentissimo. Fra questi, tracce estratte dal suo penultimo lavoro  Flightmode Vol. 4   come XoX Moonlight e brani della sua più recente fatica Swervvvvv.5 (fra tutte ovviamente la programmatica Urban Jazz) ma non puo’ certo mancare Hoodrich Vol. 3  con il classico Shade.

Sono circa le 19 30 quando fa il suo ingresso in scena, accolta da una vera e propria ovazione, Lizzo.

Bustier corto blu petrolio e coda di cavallo, Lizzo è coadiuvata sul palco da 4 ballerine/coriste. La setlist è ricchissima e prevede un po’ tutti i pezzi più consciuti del suo Cuz I Love You album campione di incassi che l’ha resa una star di prima grandezza nel panorama musicale contemporaneo.

Ed è proprio la title track ad aprire le danze. Fra i momenti più spettacolari segnaliamo Boys, Phone, Soulmate, Truth Hurts e Good as Hell, per chiudere in bellezza sulle note di Juice.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Dopo l’apoteosi Lizzo, decidiamo di visitare gli stand per goderci un poco l’atmosfera del festival.  Ci giungono  quindi solo a intermittenza gli echi delle esibizioni di Masego e Raphael Saadiq, nomi più o meno noti della scena nu soul; quest’ultimo famoso soprattutto per la sua attività di produttore di artisti prestigiosissimi (Solange, Stevie Wonder e TLC, fra tutti).

La giornata volge al termine, ma resta ancora il numero di centro ovvero Solange Knowles, sorella minore di Beyoncé. Reduce della pubblicazione di When I Get Home, album acclamato da critica e pubblico, è senz’altro l’artista più attesa della kermesse. Vestita di nero, i capelli lunghi lasciati morbidi sulle spalle, Solange è accompagnata in scena dalla band e dalle immancabili coriste.

Spettacolo sobrio e minimalista ma curatissimo, quello della più giovane delle sorelle Knowles prevede l’esecuzione di molte delle nuove canzoni e solo qualche successo del precedente disco, fra cui ovviamente Fabu e Cranes in The Sky. Fra i pezzi più emozionanti Down with The Clique, Almeda e la bellissima Stay Flo. C’è spazio anche per una breve sosta di Solange alla transenna,  fin dove si spinge  a salutare i fan delle prime file, felici dell’incontro ravvicinato, a suggello di un festival da ricordare tanto per la qualità della musica offerta che per l’atmosfera estremamente gradevole che non è mai venuta meno.

Prossima tappa di Afropunk : fine agosto a Brooklyn.

Click here to know more & for tickets.

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: