Vai al contenuto

(live report): Thom Yorke @Philarmonie (Festival Day Off, Paris 7 juillet 2019)

Thom Yorke @Festival Days Off

E’ ormai divenuto un’istituzione il festival Days Off, in corso da qualche giorno nella capitale francese. Dopo il concerto di apertura, affidato lo scorso 4 luglio a Cat Power, la kermesse, ospitata dalla Philarmonie di Parigi, ha avuto il privilegio di programmare il carismatico leader dei Radiohead, Thom Yorke, previsto con una doppia data, domenica 7 e lunedi’ 8 luglio. Complice anche la recentissima pubblicazione di un nuovo album, Anima, Yorke era particolarmente atteso da un pubblico di estimatori fedelissimi e di semplici curiosi. Un fugace passaggio nella medesima sala, in aprile aveva lasciato presagire che un disco era pressochè in fase di completamento e aveva permesso al musicista inglese di presentare alcuni brani tratti dalla bella colonna sonora scritta per Suspiria.

E’ quindi con estrema curiosità che abbiamo raggiunto la sala domenica, nel tardo pomeriggio. Un nutrito gruppo di fan, giunti da un po’ tutta Europa, era già in coda da qualche ora in attesa dell’apertura delle porte. Atmosfera serena e rilassata, come sempre in queste occasioni, che offrono anche l’opportunità di ritrovare amici e conoscenti  ai quali ci lega la medesima passione per la musica.

I Radiohead sono da sempre impegnati nella lotta al ticketing secondario per i propri concerti: quindi, nessuna sorpresa per il controllo dell’identità dei singoli intestatari dei biglietti, rigorosamente nominativi, pratica accolta di buon grado dai presenti.

Alle sette, come di consueto si puo’ accedere alla sala.

La première partie è affidata all’italiano Andrea Belfi, da qualche tempo residente a Berlino, percussionista che mescola sonorità elettroniche a trame acustiche, creando un sound che lascia senza dubbio spiazzati. Il suo è un set energico e dirompente. Pur apprezzando l’originalità della proposta non possiamo tuttavia nascondere che la monotonia delle tracce in setlist e la ripetitività a tratti ossessiva dei brani ci ha un poco disturbato ed è quindi con un certo sollievo che abbiamo salutato la fine della sua esibizione.

Una breve pausa ed è il momento di Thom Yorke.  Come di consueto è accompagnato in scena da Nigel Godrich e Tarik Barri, compositore e artista visivo al quale dobbiamo gli straordinari giochi di luci e colori proiettati sul grande schermo che campeggia in fondo al palco.

Prima traccia in scaletta Interference, tratta da Tomorrow’s Modern Boxes, ha il compito di aprire tranquillamente l’esibizione, nonostante sia necessario il rodaggio di qualche brano perchè il suono risulti finalmente perfetto e all’altezza dell’acustica straordinaria della sala.

Sono ben 8 su 9 i brani di Anima eseguiti, con l’assenza della sola I Am a Very rude Person, ma non mancano nemmeno tracce da The Eraser e dal già citato Tomorrow’s Modern Boxes. Citiamo in particolare una magnifica versione di Truth Ray, in coda al concerto, prima degli encores.

Fra i nuovissimi pezzi, è d’obbligo riservare una menzione speciale a Twist, brano che con i suoi sette minuti abbondanti di durata, consente a Yorke di declinare al meglio gli innumerevoli registri vocali e sonori che abitano la sua più recente fatica. E’ evidente che siamo lontani dal sound dei Radiohead (pesante l’assenza di Jonny Greenwood con le sue elaborate orchestrazioni) ma siamo distanti anche dall’universo più classico di Suspiria (disco del quale sono eseguite solo due tracce). Thom, in versione solista, preferisce avventurarsi in complesse sperimentazioni elettroniche e mette in un angolo le trame più tradizionali. Cosi’ fra le sequenze più entusiasmanti citiamo in apertura Black Swan, Harrowdown Hill e Pink Section e in chiusura Truth Ray, Traffic e Twist.

Tuttavia (e Thom non ce ne voglia), i momenti più emozionanti del concerto sono proprio quelli che arrivano sulle due tracce da Suspiria, ovvero Has Ended e in chiusura, struggente, Unmade, a suggellare un’esibizione di altissimo livello, salutata da un pubblico estasiato.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Setlist

Interference
Impossible Knots

Nose Grows Some
Last I Heard (…He Was Circling the Drain)
The Clock
Dawn Chorus
Has Ended
Not the News
A Brain in a Bottle
Amok  (Atoms for Peace song)
Truth Ray
Traffic
Twist

Encore:

Runwayaway
The Axe
Atoms for Peace
Default  (Atoms for Peace song)

Encore 2:

Unmade

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: