Vai al contenuto

(live report): Conversations with Nick Cave @Brighton Dome (Brighton, 29 june 2019)

Sono trascorsi 4 anni dalla morte tragica e inattesa di Arthur, figlio prediletto di Nick e Suzie Cave e, da allora i due celebri genitori non hanno mai smesso di cercare il modo di alleviare, per quanto possibile, il dolore di questa perdita.

Un film documentario,  One More time with Feeling, con i tratti inequivocabili della confessione, un album bellissimo e consolatorio, una sorta di dialogo epistolare ininterrotto con i propri fan attraverso la newsletter The Red Hand Files – che come lo stesso Nick ha spiegato in più di una circostanza è reciprocamente terapeutico.

Si è aggiunta quest’anno alla lista una tournée dal titolo “Conversations with Nick Cave“: nel corso delle serate, che fino ad oggi si sono svolte in Australia, UK ed Europa, Nick ha riproposto, accompagnato dal solo pianoforte, alcuni dei pezzi più conosciuti del suo repertorio, qualche brano meno noto e alcune cover, a margine di un fitto scambio con il pubblico al quale è stata data, per una volta, la parola. Domande e risposte senza filtri, in quelle che possiamo giustamente definire sedute terapeutiche. 

L’ultima data è stata sabato sera, nel Regno Unito, nella Brighton che è la città in cui i Cave vivono e dove Arthur ha perso la vita. Fortissima, come prevedibile l’emozione da entrambi i lati del palcoscenico.

Questo, dunque, per quanto sia possibile riassumere sensazioni cosi’ intense, il racconto della serata.

 

 

 

The Brighton Dome, 29 june 2019
The Brighton Dome, 29 june 2019

 

Pubblico di fan fedelissimi, giunti da ogni parte del globo per assistere a questo evento speciale e rigorosamente trasversale per età e genere. Il Dome apre le porte alle 18.00 e, arrivando, siamo innazitutto sorpresi dall’atmosfera gioiosa e rilassata che ci accoglie. Musica in sottofondo. Piccoli gruppi si attardano al bar in attesa di entrare in sala.

Alle 19.30 in punto, Nick raggiunge il palco:  al centro un pianoforte e sullo sfondo dei tavolini attorno ai quali troveranno posto alcuni fortunati spettatori estratti a caso fra quanti in possesso di un biglietto. 

Il programma della serata si annuncia semplice e lineare. Degli scambi con il pubblico sono intervallati dall’esecuzione di un brano musicale. In molti erano presenti anche venerdi’ sera, alla prima delle due date previste a Brighton, non pochi hanno già assistitito ad altre date della tournée.

Primo brano in scaletta, una intensa e sobria God in the House, pezzo tratto dall’album del 2001 No More Shall We Part.

Nick chiede ai presenti di non scattare foto, richiesta che sarà esaudita, di buon grado, sebbene nel corso della serata ci tenga a ribadire che la battaglia contro gli smartphone sia ormai stata persa e che trovi alcuni degli scatti amatoriali dei fan bellissimi e intensi, capaci di catturare al meglio l’instante del live, malgrado e forse a causa della loro imperfezione. Chiede anche di “sospendere il giudizio”, di essere comprensivi nei confronti di quanto ascolteranno. I temi affrontati con estremo tatto e con grande sincerità spaziano dalle questioni concernenti la creazione artistica a momenti più intimi. Inevitabile l’allusione alla recente presa di posizione su Morrissey, che ha tenuto banco nei giorni precedenti le due date di Brighton, occasione per il musicista australiano di ribadire le proprie convinzioni riguardo alla separazione fra artista e opera d’arte, tema scottante in questi ultimi anni di politically correct. 

Ovviamente non puo’ mancare il riferimento alla scomparsa di Arthur, momento intimo e di portata universale allo stesso tempo, incentrato sul ruolo salvifico della compassione in contrapposizione all’empatia nell’elaborazione di un lutto cosi doloroso. 

Interessanti i passaggi maggiormente connessi alla musica e all’arte, con importanti seppure estemporanee riflessioni sulla scrittura: affascinante il raffronto fra quella musicale e quella letteraria, soprattutto con  riferimento alla composizione poetica.  

Ma c’è spazio anche per domande meno filosofiche e più mondane, come quella sulle relazioni amicali e musicali con membri attuali e passati dei Bad Seeds, come Blixa Bargeld e l’amico di sempre Warren Ellis.

Uno dei momenti più teneri e commoventi la presenza sul palco della piccola figlia di una fan alla quale è riservato un abbraccio che  siamo certi la bimba ricorderà a lungo negli anni a venire (istante immortalato e pubblicato da Suzie Cave sulla propria pagina Instagram).

La setlist è una sorta di greatest hits. Si passa da The Weeping Song, a Jubilee Street, a The Mercy Street, ma non mancano autentiche perle come la magnifica Mermaids e le cover di Avalanche di Leonard Cohen e di Cosmic Dancer di T Rex, brani paricolarmente amati da Cave.

Sertlist

God Is in the House
The Weeping Song
Jubilee Street
Mermaids
Stagger Lee
The Mercy Seat
Avalanche
The Ship Song
Higgs Boson Blues
O Children
Palaces of Montezuma
Cosmic Dancer
Skeleton Tree

Una serata intensa e magnifica, da tutti i punti di vista, come sempre quando si tratta di Nick, che attendiamo presto con un nuovo album. 

La tournée riprenderà negli USA in agosto.

A questo link troverete date e biglietti.

 

 

 

 

 

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

One thought on “(live report): Conversations with Nick Cave @Brighton Dome (Brighton, 29 june 2019) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: