Vai al contenuto

(recensione): Kate Tempest – The Book of Traps and Lessons (Fiction, 2019)

Kate Tempest, The Book of Traps and Lessons

Raramente un’artista è riuscita a mostrare con tanta intensità, grazia ed eleganza il magico potere della parola, scritta e parlata. Ma Kate Tempest, poetessa, drammaturga e slammer londinese non teme le sfide e dal 2012 ci regala testi di vertiginosa bellezza, adatti tanto alla lettura quanto all’ascolto. Pubblicato in questi giorni, The Book of Traps and Lessons, arriva a tre anni di distanza da Let Them Eat Chaos, per il quale si era guadagnata la seconda candidatura al Mercury Prize. Se Let Them Eat Chaos affrontava con sfrontatezza e senza remore la fragilità della condizione umana sullo sfondo di  una società sempre più vuota, consumistica e decadente, The Book of Traps and Lessons, puo’ in un certo senso esserne considerato la degna continuazione. 11 tracce che si dispiegano per 45 minuti: Kate si allontana dai ritmi hip hop del lavoro precedente e declama i propri testi su trame decisamente cupe ed elettroniche che la accompagnano in un viaggio febbrile fra amore, sesso, politica ed ecologia.

I was heart-broken
Vomiting memories
Because I’d promised her everything
Then I did what I could not to recognize anything

So, here I was
Marching the town like a priest in my rapture
Muttering spells

recita la prima traccia, Thirsty, ed  soltanto un brevissimo assaggio di quanto ci aspetta nel seguito.

Magnifico, il secondo brano Keep Moving Don’t move  inizia là dove Thirsty termina  e siamo trascinati in una vorticosa invettiva contro la società dei consumi.

Eat traffic jams, eat shoes, eat shop windows
Eat the chair you’re sitting on, eat the table
Eat the idea there was ever more than this
Eta the beer, eat the takeaway, eat the boredom, eat the breakup
Eat the phone she’s hasn’t called
Eat her ringtone six times, six times
And when she answers, eat the scilence in your mouth
Eat the pillow, eat the blankets, eat the moon
Eat the screaming drunks, eat the bad dreams, wake up
Eat the alarm, remember to chew
Are you doing this, too?

Seven point four billion humans
Seven point five billion humans
Seven point six billion humans

Pubblico e privato si alternano traccia dopo traccia, in un equilibrio perfetto. Fil rouge, la voce di Kate che rallenta o accelera scandendo con eleganza il ritmo.

Fra i momenti più intensi Three Sided Coins e Firesmoke sono due struggenti dichiarazioni d’amore.  La prima al Regno Unito, suo paese natale, amante infedele al quale riserva, malgrado tutto versi di folgorante bellezza.

We’re frail, our hearts haven’t had time to try fathom
The scales of old dragons are nails in gold coffins
This island of England
Oh, England
We set out from this place
For murder and murder
And then we squared it away like it did not occur
Now when people are lost, they need people to join
But beware of the three-sided coin
And when people are hurt, they need people to blame
But beware of the fear you can’t name

Sensuale, ipnotica e intensa Firesmoke, la seconda, dedicata invece alla propria amante, ci offre uno dei testi più esplicitamente erotici che abbia letto (e udito) di recente. Parole che diventano carne, in una progressione che, verso dopo verso, ci guida in un viaggio sentimentale sempre più vertiginoso.

So go on, give me three days of your body and mine
Time is a blind eye and I see your mind in my mind’s eye
You make me immortal
You take me to space
You are a planet
A place I’ve not known
Your body is home to rare gods
I kneel at their temple
I’m blown to bits, gentle, ferocious
We are open
Explosives have nothing compared to these sparks
So let’s fall apart
And then lie with me, breathing in the den of the dark
It’s firesmoke

Un live di Kate è un’esperienza che non lascia indifferenti. In attesa quindi di poterla rivedere in una delle date del suo tour promozionale, non possiamo che consigliare l’ascolto della sua ultima fatica.

Click here to listen & buy

8 /10

 

 

 

 

 

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

One thought on “(recensione): Kate Tempest – The Book of Traps and Lessons (Fiction, 2019) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: