Vai al contenuto

(recensione): Holly Herndon – PROTO (4AD, 2019)

Abbiamo già avuto il piacere di incontrare l’americana Holly Herndon nella primavera del 2016. A lei, infatti, era affidata l’apertura dei concerti dei Radiohead, impegnati nella promozione del loro A Moon Shaped Pool.

Forte di un PHD in composizione ottenuto presso l’Università di Stanford, Holly puo’ vantare una diffusa conoscenza della musica elettronica d’avanguardia e sperimentale. Da sempre interessata alle questioni relative all’Intelligenza Artificiale e all’impatto esercitato dalla robotica sulla creazione musicale, la californiana, che ha scelto Berlino come città d’elezione, ha pubblicato a inizio maggio il suo terzo album in studio, dall’enigmatico titolo PROTO.

PROTO, terzo capitolo della ricerca iniziata dalla Herdnon, incentrata sulle contaminazioni fra composizione musicale e sperimentazioni elettroniche, nel momento in cui robots e reti neurali invervengono nel processo creativo, è un progetto affascinante e ambizioso, al quale, oltre a Holly, hanno preso parte il marito Mat Dryhurst e il programmatore Jules LaPlace. PROTO significa protocollo, laddove con questo termine ci si riferisce ai protocolli che dominano l’era attuale. Protocolli informatici, chiaramente, ma anche protocolli politici e ideologici ai quali siamo tenuti ad uniformarci e protocolli e censure che noi stessi ci imponiamo, aprendo la strada a interrogativi esistenziali vecchi e nuovi.

Musicalmente il sound creato dalla Herndon è da sempre un mélange di nuances futuristiche che si intrecciano a venature dal sapore antico e che rievocano qua e là ritmi tribali. Non fa eccezione questo nuovo lavoro che intensifica questa tendenza, grazie all’espediente offerto dalla presenza di Spawn, un agente AI, che partecipa alle tracce in funzione di coro, simulando la voce di un bimbo di due anni, ma che in realtà è il risultato – soprendente -dell’elaborazione di centinaia di voci registrate a Berlino nel corso di qualche anno.

Umano e non-umano si trovano a interagire brano dopo brano, offrendoci un range vocale incredibilmente esteso, dal balbettare pre-parlato di Birth e Godmother (primo singolo estratto dall’album) alle sonorità più rassicuranti di Eternal e SWIM, che sanciscono una sorta di armonica rappacificazione fra gli uomini e le macchine.

Cresciuta nel Tennessee e abituata ai cori della chiesa della sua piccola comunità rurale, Holly ha una certa familiarità con quelli gospel. Ed è affascinante vedere come le sia stato possibile modificarli, interpolandoli con elementi artificiali fino ad ottenere dei suoni nuovi, nei quali si fatica a distinguere la componente umana da quella artificiale. In un certo senso metafora dello status quo della musica contemporanea, nella quale elementi acustici ed elettronici si trovano sempre più in dialogo, PROTO si spinge fino alle conseguenze più estreme, azzardando sperimentazioni inevitabilmente avanguardistiche.

L’esito è un album di non facile recezione, ma irrinunciabile e per certi versi bellissimo.

Magnifica, Crawler è uno degli episodi più riusciti assieme a Extreme Love, che si avvale della partecipazione di Jenna Sutela e Lilly Anna Haynes, Frontier composto assieme a Ville Haimala e Fear, Uncertainty, Doubt, che ci regala uno dei testi più belli di questo disco.

I need to know where we stand, oh, I
I need to know why you turned aside, saddened
I don’t mind, the heart breaks loads
I know, is there more words we know?
I need to know why
I need to belong, to belong
I’m coming undone, undone now

Click here to listen & buy
8/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: