(recensione): The Big Thief – U.F.O.F (4AD, 2019)

The Big Thief - U.F.O.F

Tre album in tre anni: è questo il bilancio più che positivo che possono vantare i Big Thief, band americana, originaria di Brooklyn, in rapida ascesa. E’ stato pubblicato da qualche giorno il loro ultimo lavoro, dall’enigmatico titolo U.F.O.F.

U.F.O.F. ovvero U.F.O. Friend, laddove la seconda F significa amico e il fil rouge che lega le dodici tracce in scaletta è proprio l’amicizia e il familiarizzare con chi e quanto ancora non conosciamo, perchè, come affermato recentemente dalla lead singer Adrianne Lenker “…se la natura delle nostre vite è il cambiamento, l’impermanenza, è sempre preferibile lasciarsi sorprendere svegli da questa verità che negarne l’evidenza”.

Band che ama alternare sonorità indiefolk a venature più rock – dominate da ruvidi riff di chitarra, in questo nuovo lavoro, i newyorkesi sono riusciti a trovare un equilibrio pressochè perfetto, miscelando i due elementi – solo apparentemente contrastanti – con eleganza e grande naturalezza. Sintesi di cui Contact, brano che apre il disco è un perfetto esempio, con il suo andamento lento, interrotto da un’inespettata variazione di ritmo sul finale. Traccia che ci trasporta immediatamente nell’universo sognante e ultraterreno che è il palcoscenico sul quale si muovono i protagonisti delle dodici canzoni, Contact mescola elementi autobiografici a allusioni cinematografiche, (la Jodi evocata in apertura del brano è forse Jodie Foster, protagonista dell’omonimo film fantascientifico Contact?).

Jodi
Please turn the pages for me
You seem so free
You know I’m barely, barely

canta Adrienne con la sua voce eterea e sognante. She makes me sing /She is both dreamer and dream /
And dream, and dream, and dream, termina il brano.

U.F.O.F. la titletrack è una splendida ballata dominata dalla chitarra di Meek in dialogo con la voce di Adrienne, impegnata in un testo bello e poetico.

To my UFO friend
Goodbye, goodbye
Like a seed in the wind
She’s taking up root in the sky
See her flickering
Her system won’t even try
To defend and ripen
In the radio action

Sono numerosi i nomi di donna evocati nei brani presenti sull’album: personaggi fittizi e allo stesso tempo alter ego di Adrienne di cui svelano di volta in volta i diversi aspetti di una persona complessa e cangiante. Si passa quindi dalla Jodi di Contact a Betsy (dai capelli ramati) a Jenni (con lo sguardo assente), fino ad arrivare alle Caroline e Violet, protagoniste di Cattails. Testi estremamente personali, ragione per cui non deve sorprendere più di tanto che due brani dell‘album solista della Lenker, abysskiss, apparso lo scorso anno, siano stati inclusi in questo nuovo lavoro. Si tratta di Terminal Paradise e From, riprese in una versione che conserva e amplifica la profondità e l’atmosfera in chiaroscuro delle tracce originali.

Terminal Paradise, in particolare, cresce in intensità e acquista spessore grazie al fondametale apporto di Buck Meek, tanto a livello vocale che strumentale. Magnifico il dialogo fra le due chitarre a sottolineare come in uno specchio quello fra le voci maschile e femminile.

Atmosfere più marcatamente indiefolk sono le protagoniste di Cattails, brano dalle movenze tradizionali, che suona a tratti come una filastrocca ambientata in un’America da western e che costituisce uno dei momenti migliori dell’album, di cui per finire – citiamo – ultima traccia – l’enigmatica Magic Dealer che chiude il disco conferendogli sonorità soprannaturali, dopo un’introduzione quasi a cappella.

Per i The Big Thief, un altro album riuscito, che si candida a essere nel novero del best of del 2019.

click here to listen & buy
8,5/10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.