Vai al contenuto

(recensione): The Mountain Goats- In League with Dragons (Merge, 2019)

The Mountains Goats - In the league with Dragons

Band nata da un progetto solista del lead singer John Darnelle, originario di Claremont in California, sebbene da qualche anno residente in North Carolina, i The Mountain Goats sono estremamente prolifici e possono vantare numerose e prestigiose collaborazioni. Ricordiamo, fra le tante, quella con St Vincent, al secolo Annie Clarck, presente sull’album Heretic Pride, pubblicato nel 2008.

In League with Dragons è il 17° album in studio degli americani: cifra impressionante, ma che ci dà l’esatta misura dell’inesauribile vena creativa di Darnelle, a cui si uniscono, per questo disco, fra gli altri,  Peter Hugues al basso e Jon Wurster alla batteria.

Gruppo che da sempre si colloca nella vasta area del cantautorato americano, il più classico, i The Mountain Goats, amano miscelare sonorità rock a venature country e folk.  Penchant che risulta ancora più marcato in questo nuovo lavoro, per il quale si sono avvalsi della sempre eccellente produzione di Owen Pallett, già noto per le sue storiche collaborazioni con gli Arcade Fire.

Come si puo’ facilmente comprendere dal titolo, il nuovo In the League with Dragons è un concept album ispirato da tematiche fantasy che si intrecciano a questioni personali (ritorna il problema della dipendenza dalle sostanze stupefacenti). Ma non mancano i riferimenti alla letteratura mystery, in particolare a certe storie scritte dal siciliano Leonardo Sciascia e Ross MacDonald, autore del giallo The Zebra-Striped Hearse, detective story apparsa nel 1962.

E’ Done Bleeding il primo brano in scaletta, magnifico pezzo, dalla ricchissima orchestrazione, alla quale Pallett non è certamente estraneo, dedicato proprio alla tossicodipendenza e alla successiva tappa di disintossicazione, che lascia, chi ne è protagonista, in una dimensione di straniante solitudine.

Take a picture or two
Just to remember the view
Leave a mark on the door
As an empty warning sign from one who’s gone before
But isn’t here anymore

udiamo nella seconda strofa, che conferma l’incisività della penna di Darnelle.

Primo singolo estratto, Younger è il migliore dei biglietti da visita. Se, musicalmente, conferma la ricchezza e complessità del sound della band, nel quale si sovrappongono e si intrecciano nuances rock e  folk, spruzzate qua e là di new wave, solidamente orchestrate da Pallett, il cui intervento risulta fondamentale, non meno affascinante risulta il testo, una ulteriore declinazione della riflessione sull’Io e sulle infinite personalità che di volta in volta ci abitano e ci abbandonano, in un vertiginoso gioco di specchi autoriflettenti.

It never hurts to give thanks to the local gods
You never know who might be hungry
It never hurts to scan the windows on the upper floor
I saw a face there once before when I was younger

recita il ritornello.

Album nel quale, situazioni personali e fantasy si intersecano incessantemente, In the League with Dragons racconta in gran parte le vicende legate alla cittadina – immaginaria – Riversend, assediata, nel corso di alcuni lunghi anni da draghi minacciosi,  e al vecchio stregone – suo protettore – impegnato in una solitaria battaglia.

Be so hard to look away
Gotta be strong in the face of suffering
Cut a good figure just in case somebody’s watching
Even if it ends up meaning nothing
Let the breezes spread such scandal as they may
Maybe Boris Vallejo paints the back of your head someday

canta Darnelle nel corso del brano.

Numerosi gli episodi eccellenti di questo album, nel complesso coerente, solido e riuscito.

A partire dalla ritmatissima Doc Golden, fino ad arrivare alle note decisamente country di Waylong Jennings Wild ! Ma non meno affascinanti risultano An Anthidote for Strychnine, brano tutto in crescendo, con le sue improvvise ed inaspettate variazioni di ritmo, nel quale un inizio in sordina si risolve in un complesso sound groovy.

Chiude l’album Sicilian Crest, brano dalle sonorità alla Spandau Ballet (secondo le intenzioni dichiarate del suo autore),  pezzo chiaramente ispirato dalla lettura di Sciascia, e dedicato all’ immaginaria (o reale?) figura di un tiranno demagogo, a conferma del continuo slittamento fra reale e immaginario che è un po’ la chiave di lettura del disco.

In these times of wanting prophecy
And false witnesses up to all manner of deviltry
Drench a kitchen rag in heretics blood
Wash your windows and prepare for the flood
Look to the West
Look to the man
Bearing the Sicilian crest

Una prova d’autore eccellente.

click here to listen & buy

8/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: