Vai al contenuto

(recensione): Little Simz – Grey Area (Age 101 Music, 2019)

Little Simz - Grey Area

Attrice e rapper britannica poco più che ventenne, Little Simz, nome d’arte di Simbiatu “Simbi” Ajikawo, ha già al proprio attivo ben tre album degni di nota. Ultimo in ordine di pubblicazione, Grey Area è arrivato a inizio marzo, a quattro anni esatti di distanza dal disco del debutto. Grey Area, zona grigia, questo il titolo, fa riferimento al segmento di vita dei vent’anni, periodo indefinito e indefinibile che si attraversa senza avere ancora tutti gli strumenti adeguati per uscirne indenni. I dieci titoli che lo compongono, sono, malgrado questa premessa, magnifici e di grandissimo impatto. A partire dal pezzo di apertura, Offence, primo singolo estratto, pubblicato in settembre. Brano dal ritmo ipnotico che suona allo stesso tempo come dichiarazione di intenti e sentito omaggio al proprio pubblico.

Me again, allow me to pick up where I left off
The biggest phenomenon and I’m Picasso with the pen,

recita la prima strofa, per continuare con

All I do is kill shit, shit, even when I’m chillin’
I’m Jay-Z on a bad day, Shakespeare on my worst days
Never been a punk, trust you can get it in the worst way.

Non meno intensa e risoluta la seconda traccia, Boss, secondo singolo estratto dall’album e disvelato in occasione della messa in onda del settimo episodio della terza stagione di Insecure, serie trasmessa da HBO lo scorso 23 settembre.

Stop fucking with my heart
N*, you was my dream, fool (Little bitch)
Oh, now you a man, ho?
I don’t need that stress, that stress
I’m a boss in a fucking dress
N*, stay in line,

canta Little Simz nel ritornello e pare subito chiaro il fil rouge che lega indissolubilmente tutte le tracce.

Una penna sfrontata ed elegante, in evidente stato di grazia si sposa a ritmi che oscillano fra le cadenze sincopate tipiche dell’hip hop e raffinate venature soul, fino ad ottenere un lavoro coerente e dall’esito più che felice. Gli episodi notevoli non mancano. A partire da Selfish, brano che vede Simbi impegnata in un bel duetto con la cantante soul Cleo Sol, per proseguire con un altro duetto, questa volta con Chronixx, in occasione della magnifica Wounds, brano ipnotico ingentilito da suadenti riff di chitarra.

Esplicito, il contenuto di Venom, una sorta di manifesto femminista,in perfetta sintonia con lo spirito dei tempi, è sottolineato da un rap acceleratissimo che si staglia su uno sfondo cupo e dal sapore quasi cinematografico, laddove l’autobiografica 101 FM rievoca qua e là cadenze orientaleggianti, a conferma della ricchezza musicale che abita l’universo musicale di Simbi e della grande varietà che questa giovane ma brillante musicista riesce ad esprimere.

Se dovessimo scegliere un solo pezzo per parlare di questo album, sceglieremmo, tuttavia, senza dubbio alcuno, Flowers, traccia che chude gloriosamente il disco. Brano nel quale Little Simz duetta con Michael Kiwanuka, musicista soul britannico dalle origini ugandesi, Flowers è un elegante mélange di rap, soul e jazz, che fa da sfondo a un testo poetico e malinconico, una sorta di omaggio alla gioventù bruciata del club del 27.

When the stars die young
Took 27 years to realize
You already won
Flowers all, flowers all, flowers all, flowers all for you

Un album da ascoltare e riascoltare, uno dei migliori lavori dell’anno, sino a oggi.
9/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

One thought on “(recensione): Little Simz – Grey Area (Age 101 Music, 2019) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: