Vai al contenuto

(speciale) : best of – le classifiche di Coeurs & Choeurs per il 2018

Fortemente marcato dal movimento #metoo e da tutte le conseguenze che ne sono derivate, il 2018 è stato, ad ogni buon conto, un anno musicalmente ricchissimo. Nuovi nomi e musicisti dalla fama consolidata si sono alternati sui palchi delle sale da concerto, cosi’ come sui piatti degli impianti stereo di un pubblico sempre più attento alla qualità della musica proposta.

Difficile, quindi, stilare delle classifiche, con il rischio di inevitabili dimenticanze, ma Coeurs & Choeurs ha provato a fare una scelta. Ecco il risultato.

In una prospettiva internazionale, ma non solo, l’anno è risultato dominato dalla musica declinata al femminile, e certamente non solo per ottemperare a esigenze di genere. A 53 anni di distanza dal primo album Come My Way, il 2018 ha visto infatti il ritorno alla ribalta di Marianne Faithfull, che con Negative Capability domina incontrastata il nostro best of.  Ma, accanto a Marianne, non sfigurano Julia Holter di ritorno con un album bello e sperimentale e Kristin Hersh che con Possible Dust Clouds ci ha regalato 10 tracce punk rock di grande impatto. Le altre musiciste notevoli dell’anno sono Cat PowerMitski, ma anche la rivelazione colombiana Kali Uchis con il suo bellissimo primo album Isolation, US Girls (nome collettivo per indicare il progetto di pop sperimentale della canadese Meghan Remy) e per chiudere Kasey Musgraves con il suo country rock d’autore.

Il 2018 ha visto anche le conferme di band di chiara fama. E cosi’ possiamo parlarvi del magnifico side project di Justin Vernon aka Bon Iver e del National Aaron Dressner, che ci hanno regalato il meraviglioso lavoro prodotto con il nome Big Red Machinee del ritorno degli Arctic Monkeys con Tranquility Base Hotel & Casino e degli Interpol con Marauder. Gara a distanza fra i due Radiohead Jonny Greenwood e Thom Yorke che si sono sfidati nella composizione di OST, il primo per The Phantom Thread, ennesima e riuscita collaborazione con Paul Thomas Anderson, il secondo per il remake di Suspiria.

Straordinario e sperimentale l’album dei Low, Double Negativityancora più convincente in dimensione live. Infine non posso non segnalarvi i francesi Grand Blanc con il loro riuscitissimo Image au Mur e i danesi Iceage che hanno dato un’ulteriore prova del loro talento con Beyondless.

Un nome che non puo’ essere assente da un best of è certamente quello di Kendrick Lamar, ma in un ambito decisamente sperimentale non meno convincenti sono risultati il progetto di Blood Orange e lo straordinario album new-jazz di Kamasi Washington, uno dei nomi da tenere presenti anche nel prossimo futuro.

Best of 2018

1 ) Marianne Faithfull – Negative Capability

2) Big Red Machine – Big Red Machine

3) Julia Holter – Aviary

4) Kristin Hersh – Possible Dust Clouds

5) Arctic Monkeys – Tranquillity Base Hotel & Casino

6) Interpol – Marauder

7) Cat Power – Wanderer

8) Idles – Joy As an Act of Resistance

9 ) Mitski – Be the Cowboy

10) Kali Uchis – Isolation

11) Kendrick Lamar – Black Panther

12) Low – Double Negative

13) Grand Blanc – Image au Mur

14) Jonny Greenwood – The Phantom Thread

15) Thom Yorke – Suspiria

16) Blood Orange – Negro Swan

17) US Girls – In a Poem Unlimited

18) Kacey Musgraves – Golden Hour

19) Kamasi Washington – Heaven and Earth

20) Iceage – Beyondless

 

Best Live Act

1) Bjork @We love Green

2) Interpol @Salle Pleyel

3) Arctic Monkeys @Le Zenith

4) Bon Iver @Pitchfork

5) The Voidz @Pitchfork

6) Blood Orange @Pitchfork

7) Bauhaus @Bataclan

Special Mention : Bertrand Cantat – Tournée Amor Fati

 

Best in France:

1) Grand Blanc – Image au Mur

2) Alain Bashung – En Amont

3) Feu! Chatterton – L’oiseleur

 

Best in Italy:

1) Stella Diana – 57

2) In Her Eye – Change

3) Maria Antonietta – Deluderti

 

Worst of 2018

1) Muse – Simulation Theory

2) Smashing Pumpkins – Shiny and Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

3) Mumford and Sons – Delta

 

Una playlist degli album scelti è disponibile qui.

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

9 pensieri riguardo “(speciale) : best of – le classifiche di Coeurs & Choeurs per il 2018 Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: