Vai al contenuto

(recensione): Vince Staples – FM ! (Def Jam – Universal, 2018)

Rapper della west coast in attività dal 2010 e con all’attivo tre album in studio, due EP e una lunga lista di collaborazioni prestigiose (vi ricordiamo, fra i progetti più recenti, la partecipazione all’OST di Black Panther con la traccia Opps), Vince Staples è un musicista brillante e dal talento indiscutibile.

FM!, lavoro pubblicato in questi giorni, giunge a poco più di un anno di distanza dal celebratissimo Big Fish Theory, disco che aveva conquistato indifferentemente critica e pubblico e consegnato il rapper losangelino all’Olimpo dalla musica rap e hip hop.

Undici titoli che si dipanano per circa 22 minuti: l’album ha una struttura singolare e accattivante. Pensato come una trasmissione radiofonica, FM! è allo stesso tempo un omaggio al sound della costa californiana e ai musicisti che la rappresentano al meglio e un pretesto per presentare in anteprima dei brevissimi assaggi di lavori futuri di rapper amici. E cosi ecco che, fra una traccia e l’altra, fanno capolino una ventina di secondi di brani nuovissimi di Earl Sweatshirt e Tyga, lanciati come se si trattasse veramente di una promozione radiofonica.

E’ invece in puro stile Long Beach il brano che apre l’album, ovvero Feels Like Summer, traccia per la quale Vince si è avvalso della collaborazione di Ty Dolla Sign, e che altro non è che una celebrazione della città degli angeli e della perenne estate che la abita, assieme alle infinite insidie e pericoli.

Summertime in the LB wild / We gon’ party ‘til the sun or the guns come out / JB first one fouled out playing ball / Now the whole city love you, how? / Boy we know they wasn’t down from the get go / Dirty got a dozen rounds, better get low, rappa Vince, con le sue classiche cadenze ammiccanti al g-rap di Ice-T e, soprattutto di E-40

Si avvale di un sample rubato a Nyan Cat, videogioco nipponico divenuto virale grazie a Youtube qualche anno fa, la seconda traccia Outside, prodotta come Fun! da Kenny Beats. Brani con testi esplosivi che confermano il talento della penna di Vince e che si inseriscono, anche musicalmente nel solco di quanto offertoci con il precedente Big Fish Theory, album dal quale mutuano l’energia, perdendo in parte la rabbia di fondo.

Fun! è anche un video, pubblicato a inizio novembre e ambientato in un classico sobborgo di LA.

E’ un g-rap classicamente californiano, perennemente in bilico fra la violenza della vita del ghetto e lo splendore della mecca del cinema, quello di Vince Staples. Fra le tracce più riuscite dell’album, No Bleedin con la partipazione di Kamaiyah ma anche e soprattutto, in chiusura, una struggente e cupa Tweakin‘ nella quale, possiamo udire, bellissime, le voci di Buddy e Kehlani dialogare con quella di Vince, in un brano decisamente autobiografico.

Look at how far we done came (Yeah, yeah)/ Now I’m a face and a name (Yeah, yeah) / Just got a call ‘bout my tweets (Tweets, yeah) / Told me to watch what I’m sayin’ (Sayin’, yeah) / Just got a call ‘bout the streets (Streets, yeah) / Told me to watch for a Jeep (Jeep, yeah).

Un disco che rientra sicuramente fra le migliori produzioni hip hop del 2018.
7,8/10

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: