Vai al contenuto

(live report): Arcade Fire @Accorhotels Arena (Paris, 28 aprile 2018)

Arcade Fire - Bercy, 28 04 2018

Tappa trionfale per gli Arcade Fire a Paris. Città amata dai canadesi, che proprio nella capitale francese hanno composto parte delle tracce dell’ultimo, controverso album, Everything Now.

Album recepito in modo discordante dalla critica, e conseguentemente da parte del pubblico. Era quindi necessario rompere il ghiaccio con una tournée, una full immersion con il pubblico per avere una prova tangibile della fusione mai veramente venuta meno fra la band e i fans. Avendo avuto la fortuna di assistere a più di una data della tournée, iniziata in modo inaspettato nel contesto magico del Primavera Sound Festival di Barcellona, con tanto di secret show, possiamo confermarvi l’immutato carisma del gruppo.

Palco centrale, a guisa di ring: è questo il layout scelto per la tournée. Scelta lungimirante che consente alla quasi totalità del pubblico di godere pienamente della visione di tutti i numerosi elementi del gruppo presenti di volta in volta in scena.

Sono circa le 8 quando fanno il loro ingresso in sala, coloratissimi, i musicisti della Preservation Hall Jazz Band, gruppo jazz di New Orleans, da sempre vicini agli Arcade Fire.

Un set brillante e apprezzatissimo dal pubblico per una band storica, una istituzione della Louisiana, il cui sound si sposa alla perfezione con le sonorità altrettanto colorate della musica degli Arcade Fire: è, occorre dire, estremamente piacevole aver l’opportunità di ascoltare della musica jazz nel contesto di un concerto rock.

Verso le 9, in una sala completamente riempita, ecco gli Arcade Fire. E’ sulle note della Quinta Sinfonia di Beethoven, nella versione rock di Walter Murphy che si aprono le danze: un breve preludio che introduce Everything Now. Traccia travolgente, che riscalda immediatamente una sala già effervescente, suonata con l’ausilio dell’artista camerunense Patrick Bebey, figlio di Francis scrittore e musicista polistrumentista.

Segue una teoria senza soluzione di continuità di pezzi forti: Rebellion, Here Comes the Night Time e Haiti, prima traccia lasciata alla voce di Régine. Per questi due brani, due ballerine caraibiche raggiungono la band e Bebey sul palco, scatenandosi in una danza tradizionale.

Accanto ai classici non stonano i pezzi da Everything Now: Electric Blue ancora una volta lasciata alla voce di Régine e Put Your Money on Me che arrivano giusto prima di Neon Bible e My Body Is A Cage, che ci sono regalate in una versione particolarmente emozionante, con tanto di luci accese dal pubblico a illuminare una sala avvolta nel buio.

La setlist è ricchissima e non c’è molto tempo fra un brano e l’altro.

Neighborhood 1 e 3 si alternano a Ready to Start, Sprawl II, Reflektor e After Life, cantate e ballate da tutto il pubblico, completamente conquistato dalla band.

Una menzione particolare per Creature Comfort che non mi aveva particolarmente convinto su disco e che invece, in concerto assume delle sonorità ben più complesse e interessanti.

Una brevissima pausa e per l’encore, la setlist prevede l’emozionante We don’t deserve Love, cui segue The Coffee Cola Song , pezzo di Francis Bebey, un sample della quale è stato utilizzato dalla band per Everything Now, che viene quindi ripresa assieme al figlio Patrick una seconda volta. Infine, per il gran finale, una trionfante Wake Up, intonata dalla sala intera.

Ma non finisce qui. Per i fortunati ancora presenti a Bercy, il gruppo ha offerto un seguito inaspettato con un’esibizione nelle vie attorno alla sala.

Senza tema di smentita, gli Arcade Fire si confermano fra i gruppi migliori in concerto, un puro distillato di talento, gioia e musica eccellente.

Coeurs & Choeurs - de l'actualité indierock - Mariangela Macocco Mostra tutti

For every evil under the sun, there is a remedy, or there is none, If there be one, try and find it, If there be none, never mind it.

One thought on “(live report): Arcade Fire @Accorhotels Arena (Paris, 28 aprile 2018) Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: